Resta in contatto

News

Lotito: “Milinkovic non è in vendita. Gli episodi? Decidono gli arbitri”

Lotito sulla ripresa della Serie A: "La vittoria del calcio italiano"

Lotito, dopo la vittoria di sabato sera contro la Juventus il presidente biancoceleste è intervenuto durante la trasmissione di Pardo

Le parole di Claudio Lotito, presidente della Lazio, a Tiki Taka:

La vittoria sulla Juventus:

“La squadra però ha una condizione atletico-agonistica molto buona e un gruppo compatto, spero mantenga questo profilo. Le partite si vincono con umiltà, sacrificio, determinazione e furore agonistico. Ieri siamo stati determinati fino alla fine. Gli episodi arbitrali? Mi rimetto al giudizio degli arbitri: l’ho sempre fatto e lo faccio anche stasera”.

Credete allo Scudetto?

“Non facciamo voli pindarici, non ci appartengono. Il nostro schema è semplice: partita dopo partita, con quelle prerogative di cui parlavo prima. Soprattutto la compattezza e la coesione che dallo spogliatoio passa fino alla società e ai tifosi, che sono davvero il dodicesimo uomo in campo. Anche con la Juve abbiamo avuto un sostegno importante. Vero anche che la società si impegna in termini di iniziative. Da anni voglio unire sport e cultura, ed avevamo esposti quadri ed opere d’arte allo stadio”.

Il calciomercato:

“Rinforzare la squadra non può significare svilire le qualità dei giocatori che abbiamo. Prendo ad esempio Correa, Caicedo e anche altri. Soprattutto i giocatori stranieri non si adattano facilmente, serve un periodo di assestamento. Luis Alberto oggi viene osannato da tutti, ma prima veniva criticato. Dopo 15 anni di presidenza alla Lazio penso di aver acquisito un minimo d’esperienza basata su logiche diverse. Basta vedere alcune squadre che, nonostante l’organico, non hanno raggiunto buoni risultati. La società è sempre pronta e sempre lo sarà. Ma bisogna fare le cose che servono, non facciamo la collezione delle figurine Panini. Ci si porrà il problema”.

Il valore di Milinkovic:

 Non stiamo al supermercato che paghi uno e prendi due. Milinkovic è un patrimonio della società che sta bene dove sta, nessuno l’ha messo mai in vendita”

Lo stadio:

“Abbiamo messo la squadra in condizione d’avere un centro avveniristico che ha contribuito a formare lo spirito di appartenenza. Io ho sempre fatto da apripista per tutte le situazioni. Quelle che io prospettati quindici anni fa sarebbe stato di gran vantaggio per la città. Parliamo di un progetto che aveva una stazione ferroviaria interna, uno svincolo stradale e un approdo via fiume”.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Enrico
Enrico
10 mesi fa

Le parole del presidente non fanno una piega e si sa esprimere molto bene nel bene e nel male ha sempre messo la faccia soprattutto quando le cose non andavano bene e penso sia così anche se le cose cambiassero godiamoci questo momento forza Lazio sempre e comunque

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

Lui no te invece quando te ne vai?

Roby Merlini
Roby Merlini
10 mesi fa

Io farei qualcosa per la panchina…
Serve un esterno che possa dare il cambio a Lulic…

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Immobile

#CountdownToHistory: Immobile aggancia Signori al 2° posto all time

Ultimo commento: "Prendere Piola la vedo dura ... "
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Ho avuto la fortuna di conoscerlo, parlarci per ore ed era prorprio come viene descritto da tutti. Ho ancora la sua maglia originale: quella con il 9,..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il suo dito che esce fuori dalla nebbia al derby. Non si vedeva nulla ma la palla era dentro la rete! E segna sempre lui!"
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Fascetti una persona indimenticabile, grazie"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."

Altro da News