Resta in contatto

Casa Lazio

Un ospite speciale ieri all’Olimpico per il presidente Lotito

Il piccolo Christy è stato ospite speciale della S.S. Lazio ieri sera all’Olimpico. Ecco la sua storia che ha commosso il presidente Lotito.

C’era un ospite speciale per la Lazio ieri all’Olimpico. Non un vip, ma un bambino. Si tratta del piccolo Christy, la cui storia a colpito al cuore Claudio Lotito, sempre sensibile alle attività sociali. Il presidente ha voluto invitare allo stadio il giovane costretto sulla sedia a rotelle, perché in lui ha visto il simbolo dell’impegno dell S.S. Lazio contro ogni forma di violenza.

Questa la storia del ragazzo, riportata sul sito ufficiale biancoceleste:

“Christy è un bambino di origini africane. Nel 2015, tornando da scuola con il pulmino, un gruppo di terroristi ha fermato il mezzo e ha iniziato a sparare ferendolo in modo gravissimo alle gambe.

In quei giorni Papa Francesco era in viaggio in Sud Africa e, ascoltando la sua storia, ha voluto che, a sue spese personali, Christy ed altre sei persone venissero ospitate in Italia per curarsi. Christy ha subito moltissimi interventi e, grazie alle cure a cui si è sottoposto presso l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, è stato scongiurato il rischio di amputazione.

Dal 2017 è in cura per la riabilitazione e ha trovato un ambiente familiare grazie ad un gruppo di tifosi ‘Gate 51’, associazione che si occupa della lotta alla droga ed al bullismo.

Il Presidente Claudio Lotito, da sempre impegnato in attività sociali, ha adottato Christy, definendolo il simbolo della S.S. Lazio, club da sempre impegnato nella lotta contro la violenza”.

 

Le ragazze dell’Under 13 sugli spalti ieri sera:

Le ragazze dell’Under 13 in tribuna ieri all’Olimpico (foto)

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Ero giovanotto e seguivo la squadra in quegli anni difficili. No come oggi che si fa polemica se arrivi secondo o quarto. Rimane sempre nel mio cuore..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da Casa Lazio