Resta in contatto

News

Lazio – Cluj, Correa: “Andiamo a fare la guerra a Rennes, poi si vede”

Cassano su Correa: “Ha qualità immense, se segnasse di più...”

Nel post gara di Lazio – Cluj è intervenuto Joaquin Correa in zona mista per commentare la vittoria di stasera.

Il suo gol vittoria regala ancora un po’ di paranza in vista dell’ultimo turno del girone. Joaquin Correa è intervenuto ai microfoni dei cronisti presenti in zona mista, nel post partita di Lazio-Cluj.

Queste le sue dichiarazioni sulla prestazione di stasera.

“Penso più al gruppo e le cose sono andate meglio. Penso ad aiutare la squadra domenica”.

Cosa ti manca per diventare un grande giocatore?

“Non lo so, non ci penso neanche. Cerco di migliorarmi ogni giorno, di fare le cose per bene, quello che mi manca. Prima o poi magari arriverò a non fermarmi più”. 

Cosa ti chiede Inzaghi?

“Lui a volte mi dice le cose da attaccante, perché in questi due anni ho giocato più da attaccante mentre prima ero un esterno e trequartista. Lui mi insegna i movimenti da attaccante”. 

Pensia un nuovo look per la Supercoppa con la Juve?

“Non lo so ancora. Speriamo di vincerla in qualsiasi modo con qualsiasi capello”.

Sentite come squadra che può essere il momento per fare il passo decisivo per la Champions?

“Vincendo domenica sicuramente ci mettiamo in una buona posizione. Puntiamo a domenica e passo dopo passo per raggiungere gli obiettivi”.

Credete nella qualificazione in Europa League?

“Sì, ci crediamo. Finché c’è speranza andiamo a fare la guerra a Rennes e poi si vede”.

Credi anche nella convocazione nell’Argentina?

“Sì, certo. Ho tanta voglia, sono giovane e ci sono tantissimi giocatori nella Nazionale argentina, una delle più forti secondo me. Devo fare le cose per bene per essere lì”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il suo dito che esce fuori dalla nebbia al derby. Non si vedeva nulla ma la palla era dentro la rete! E segna sempre lui!"
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Fascetti una persona indimenticabile, grazie"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da News