Resta in contatto

News

Corriere dello Sport: brutta la Lazio europea

Il Corriere dello Sport parla della serie negativa della Lazio in Europa che va avanti da troppo tempo. Ora c’è il rischio eliminazione come con Ballardini.

Troppo brutta la Lazio europea” titola il Corriere dello Sport nelle pagine interne. Inzaghi si dice sicuro di passare il turno, ma sono sei le sconfitte nelle ultime sette gare in coppa. E il rischio di ripetere la figuraccia dell’era Ballardini di 10 anni fa è concreto.

Nella passata edizione dell’Europa League, dopo il successo con il Marsiglia al Velodrome e all’Olimpico, sono seguite 4 sconfitte consecutive con Apollon Limassol (prima vittoria di una squadra cipriota contro un’italiana), Eintracht, e due volte il Siviglia, per l’eliminazione ai sediciesimi. E quest’anno si sono aggiunte Cluj e Celtic, inframezzate solo dalla rimonta casalinga contro il Rennes.

Sembra si sia fatta largo tra i giocatori, secondo il quotidiano, una certa “abitudine a perdere“. Le prestazioni difensive sono state da incubo. Sono 13 le partite europee consecutive dove la Lazio incassa gol.

L’ultima volta che i biancocelesti non superarono il girone della ex Coppa Uefa, riporta nello stesso pezzo il Corriere, avevano compromesso il passaggio con una doppia sconfitta nelle sfide ravvicinate di andata e ritorno con il Salisburgo. Poi completarono l’opera, ad eliminazione già concretizzata, con una figuraccia all’Olimpico contro il Levski Sofia nell’ultima giornata.

La storia potrebbe ripetersi se il 7 novembre a Roma Lulic e compagni non riusciranno a ribaltare la sconfitta del Celtic Park. E lo stesso dovranno fare successivamente contro i rumeni, sempre tra le mura amiche, sperando così di arrivare a giocarsi l’ultima trasferta in Francia con ancora qualche possibilità.

 

Leggi anche:

Il CorSport di Roma sull’importanza di Immobile: “No Ciro, No gol”

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 mesi fa

Parlasse dei buuu di domenica il cds.

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Ero giovanotto e seguivo la squadra in quegli anni difficili. No come oggi che si fa polemica se arrivi secondo o quarto. Rimane sempre nel mio cuore..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da News