Resta in contatto

News

Lazio, Corriere dello Sport: “Inzaghi aspetta i rinforzi”

Lazio - Rennes, Manuel Lazzari

I nuovi per ora non hanno convinto il tecnico. come scritto dal Corriere dello Sport, Lazzari per ora è sotto rendimento cosi come Jony e Vavro

La sosta è un’occasione per ricaricare le batterie, ma anche per porsi dubbi e analizzare ciò che è stato fatto.

In casa Lazio si guarda la casella acquisti. I nuovi, su tutti Lazzari, Jony e Vavro non stanno convincendo né i tifosi né il tecnico. Come scritto dal Corriere dello Sport, la politica seguita da Tare è molto semplice: tenere tutti i big e acquistare giocatori mirati nei reparti dove la squadra si trovava più in difficoltà.

Il primo acquisto che per ora non ha rispettato le aspettative è certamente Manuel Lazzari. L’esterno italiano è stato voluto fortemente da Simone Inzaghi, che per ora non ha ancora visto il giocatore mangiafascia dello scorso campionato. Il bilancio di Manuel non è positivo: grande partita nella prima giornata, poi il mister ha provato a spronarlo alternandolo con Marusic.

L’altro acquisto da analizzare è sicuramente Vavro. Il gigante slovacco aveva impressionato tutti per la sua stazza fisica. Nel corso del ritiro le mosse di Inzaghi facevano presagire che lui sarebbe stato il titolare, invece la storia è andata diversamente. Tanta panchina e posto soffiato da Luiz Felipe. In Serie A per ora ha giocato solamente due spezzoni di partita, mentra in Europa League ha giocato due partite da titolare.

L’ultimo dei tre è Jony. Per lui il discorso è tutta una questione di collocazione in campo. Lo spagnolo è un esterno offensivo e infatti dal centrocampo in su ha fatto vedere buonissime cose: cross tagliati e grande tecnica. Il problema sorge nella fase difensiva. Diagonali e ripiegamenti non fanno per lui e lo si è visto benissimo nella trasferta di San Siro contro l’Inter, quando D’Ambrosio lo ha bruciato sul tempo.

 

 

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Io ho vissuto l era VINCENZO PAPARELLI ERO LI E NON SONO PIU ANDATO ALLO STADIO MA POI L ARRIVO DI BEPPE SIGNORI MI HA FATTO IMPAZZIRE E MI SONO..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da News