Resta in contatto

News

Lazio, Mauri è sicuro: “Anche con le seconde linee, più forti del Rennes”

La S.S. Lazio ricorda il derby deciso da Hernanes e Mauri

Stefano Mauri è intervenuto ai microfoni di Radiosei nel corso della trasmissione “9 gennaio 1900” per parlare della sfida europea della Lazio

Stefano Mauri ha detto la sua sulla sfida di Europa League della Lazio. L’ex capitano biancoceleste è intervenuto ai microfoni di Radiosei nel corso della trasmissione “9 GENNAIO 1900”.

Tanti i temi trattati, dal turnover alla forza delle due squadre:

“Credo che il Rennes venga qua per fare la partita e fare risultato. La Lazio deve vincere dopo il ko col Cluj, al di là delle scelte di Inzaghi chiunque giocasse deve dimostrare la proprie caratteristiche, la propria identità. In ogni caso i giocatori della Lazio sono superiori a quelli francesi”.

Come si batte il Rennes

L’ex centrocampista biancoceleste ha parlato anche di come si può battere il Rennes:

“Se non giocassero i tenori non ci sarebbe il soliti fraseggio o il possesso palla, andranno utilizzate caratteristiche diverse, andare sugli esterni e non per vie centrali, sfruttando soprattutto Immobile e Caicedo”.

Seconde linee? Comunque più forti dei francesi

“Se dovessero giocare le seconde linee avrebbero una chance importante per dimostrare che sono potenziali titolari, credo sia questo l’intento di Inzaghi”.

Troppi cambi non sono un problema

Mauri ha anche voluto precisare come la l’idea di fare molti cambi non sia così sbagliata:

“È un attestato di fiducia verso chi gioca meno, ora i giocatori dimostrino che Inzaghi farebbe bene a puntare su di loro. Troppi cambi contemporanei fanno perdere la qualità del gioco? Cambiarne tanti potrebbe non essere un errore, personalmente ritengo giusto cambiarne due-tre ogni domenica per avere sempre giocatori pronti. Capisco che i tecnici preferiscono i titolari, ma alla fine i risultati si ottengono nel lungo periodo e non nelle singole gare”.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Terze linee voi di

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Maurito il nostro capitano il nostro orgoglio il nostro coraggio grande sia come giocatore sia come uomo

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Stefano?
Non ce parla mai prima ???

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Mito e Bandiera per Sempre!"
Immobile

#CountdownToHistory: col gol al derby, Immobile supera anche Rocchi nello score delle stracittadine

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da News