Resta in contatto

News

Lazio, Repubblica: “Vavro si gioca la carta dell’esperienza europea”

Lazio, Denis Vavro

Il difensore slovacco della Lazio spera in una chance da titolare contro il Cluj: in campo internazionale è tra i biancocelesti con più gare giocate

È ancora uno degli oggetti misteriosi di questa Lazio, lo spezzone con la Samp e il secondo tempo contro la Spal non sono ancora sufficienti per apprezzare le doti di Denis Vavro. Che ora scalpita per scendere in campo, da titolare, contro il Cluj.

Il centrale slovacco spera nella chance dal primo minuto, l’esordio biancoceleste nel Gruppo E di Europa League sarebbe un’ottima occasione per mettersi in mostra. In particolare, il classe 1996 vuole sfruttare una carta a favore: l’esperienza in campo internazionale. Come sottolinea la Repubblica, nell’articolo a firma di Giulio Cardone e Stefano Fiori, il 23enne è già adesso il settimo della rosa per presenze nelle coppe europee: 34 totali tra Europa League e preliminari di Champions, collezionate con le maglie di Zilina e Copenaghen.

Nella sua ancora giovane carriera, Vavro ha già affrontato squadre come Atletico Madrid, Athletic Bilbao, Zenit, Bordeaux e anche Atalanta: proprio contro i bergamaschi, il 30 agosto 2018, siglò il rigore deciso che regalò al Copenaghen il passaggio ai gironi della scorsa Europa League.

 

Entra nel muro del Tifoso e partecipa al dibattito con gli altri lettori di Sololalazio.it:

Quale mossa per riprendersi dopo lo schiaffo di Ferrara?

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Io ho vissuto l era VINCENZO PAPARELLI ERO LI E NON SONO PIU ANDATO ALLO STADIO MA POI L ARRIVO DI BEPPE SIGNORI MI HA FATTO IMPAZZIRE E MI SONO..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da News