Resta in contatto

News

Lazio, Inzaghi: “I complimenti per il bel gioco non mi bastano, voglio i punti”

Lazio, Simone Inzaghi

La Lazio è arrivata in Romania, domani l’esordio nel Gruppo E di Europa League contro il Cluj: leggi le dichiarazioni di Simone Inzaghi

Inizia l’Europa League della Lazio, domani la sfida in casa del Cluj inaugurerà il Gruppo E dei biancocelesti: appuntamento alle 18.55 (ora italiana, diretta tv su Sky). Dalla pancia dello stadio Constantin Radulescu, intanto, alle 18 parlerà Simone Inzaghi.

Segui la conferenza stampa del tecnico biancoceleste: di seguito tutte le dichiarazioni. Qui invece trovi la conferenza di Bastos, intervenuto insieme a Inzaghi.

In questa stagione c’è maggiore fiato sul collo da parte della critica?

“Bisogna mantenere sempre un certo equilibrio. Abbiamo analizzato quello che non è andato con la Spal, abbiamo capito – io per primo che sono a capo dello staff tecnico –  che la responsabilità è nostra. Fermo restando che abbiamo sbagliato i 25 minuti finali su 270 giocati finora e che abbiamo buttato tre punti importantissimi. Dello scorso anno ricordate spesso l’ottavo posto e dimenticate la Coppa Italia. Siamo l’unica squadra, oltre alla Juventus, ad aver vinto in questi anni. Anche le prime della classe hanno sbagliato nelle prime giornate”.

Sulla formazione

“Ho alcuni dubbi, li scioglierò domattina. Sono rimasti a casa Immobile, Luis Alberto e Radu più Marusic squalificato, svolgeranno un allenamento diverso che gli permetterà di arrivare al meglio domenica. Siamo venuti in 19, compreso il terzo portiere che andrà in tribuna”.

“In porta giocherà Strakosha, non mi piace stabilire un portiere per il campionato e uno per le coppe. Proto giocherà, ma domani dall’inizio ci sarà Thomas. Dall’inizio ci sarà anche Bastos”.

La reazione vista nello spogliatoio? Rabbia?

“Penso di sì. Il mio augurio è vedere la voglia di reagire subito. I ragazzi hanno fatto ottimi allenamenti. In questo momento dobbiamo mantenere lucidità, lavorare meglio, leccandoci le ferite. La classifica sarebbe dovuta essere diversa, per evitare che si ripetano questi errori dobbiamo lavorare molto intensamente”.

Girone da Champions?

“È un girone tosto, Celtic e Cluj hanno fatto i preliminari di Champions, il Rennes ha vinto la Supercoppa e sta facendo benissimo. Domani sarà una partita dura, intensa. Il Cluj è una squadra esperta, servirà una partita vera con tanti duelli”.

La reazione attesa da Milinkovic?

“Non me ne aspetto nessuna in particolare. Non bisogna cercare questo o quell’altro responsabile, perché quello sono io. Dobbiamo portare gli episodi da parte nostra. Lo scorso anno avremmo firmato per vincere la Coppa Italia, ma si parla solo dell’ottavo posto. Due anni fa abbiamo perso la Champions all’ultima giornata e abbiamo vinto la Supercoppa. Stiamo facendo un grande lavoro, l’asticella va alzata e dobbiamo migliorare. Io non mi accontento di sentirmi dire che siamo la squadra che gioca meglio in Italia, se poi abbiamo quattro punti. Ha ragione Lulic a dire che a volte si può essere meno belli e vincere 1-0”.

Su Radu

“Posso parlare solo bene di lui. È stato mio compagno di squadra, in questi tre anni e mezzo con me allenatore ha sempre fatto bene. È molto serio e concentrato. Voleva essere a tutti i costi della gara, ma io devo fare tantissime scelte e non è rientrato tra i convocati. Vedremo se giocare al ritorno a Roma”.

Il giocatore più pericoloso del Cluj?

“Personalmente mi piace molto Omrani, è molto fisico e sarà un osservato speciale”.

 

Leggi anche la conferenza di Bastos:

Lazio, Bastos in conferenza: le parole del difensore da Cluj

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

…pure noi vogliamo I punti……❗❗❗

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Scusate ha detto x il bel gioco espresso da noi? Non ci credo INZAGHI MI FAI SEMPLICEMENTE RIDERE AHAHAHAH VATTENE VATTENE VATTENE ???

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

e io che pensavo che il clinshit e le statistiche sui tiri in porta fossero le cose importanti

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"
Immobile

#CountdownToHistory: Immobile affonda anche il Sassuolo. Girone d’andata chiuso a quota 13

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da News