Resta in contatto

Settore giovanile

Primavera, Menichini: “Serve pazienza, i ragazzi però hanno grande entusiasmo”

Lazio Primavera, tre vittorie su tre amichevoli durante il ritiro estivo

Leonardo Menichini, neo tecnico della Primavera della Lazio, ha parlato oggi ai microfoni della radio ufficiale biancoceleste. Ecco le sue parole.

Leonardo Menichini ha voglia di lavorare e di far crescere le giovani aquile. Oggi a Lazio Style Radio 89.3 ha parlato dei suoi progetti per la squadra e di come intende lavorare con i ragazzi della Primavera biancoceleste. Ecco l’intervista integrale, riportata anche sul sito ufficiale biancoceleste.

La nuova avventura nelle giovanili della Lazio lo stimola.

“Ho lavorato in tutte le categorie, per me questa esperienza nella Lazio Primavera rappresenta una nuova avventura, ma l’ho accettata con piacere e con tanti stimoli per trasmettere la mia esperienza ai ragazzi e per migliorarli provando ad ottenere risultati sportivi positivi. In questa categoria bisogna produrre calciatori e migliorarli per poi portarli nel giro della prima squadra. Serve pazienza, i ragazzi però hanno grande entusiasmo e vanno guidati: devono capire come stare in campo e che bisogna lottare, essere concentrati ogni giorni ed essere attenti ai particolari per entrare nel calcio dei grandi”.

Queste le sue idee di lavoro:

“Tramite il miglioramento del singolo, migliora anche il gruppo. Con dei buoni fondamentali si sbaglia meno e c’è più possibilità di creare gioco. Allo stesso tempo è necessario essere aggressivi e leggere bene le fasi della partita: tanti ragazzi di questa squadra provengono anche dall’estero e, per questo, tutti devono capire al meglio quello che dice il tecnico. Sono curioso anche io, sto analizzando i miei giocatori insieme ai miei collaboratori per migliorare ogni singolo. Tutta la squadra ha voglia di fare, ma c’è chi sta meglio: il gruppo va uniformato e portato avanti. Il campionato sarà molto difficile e di qualità molto alta, c’è bisogno di crescere in fretta.

Le idee tattiche di Menichini sono chiare. Difesa a quattro e tanto possesso palla. Ma a tutti i ragazzi verrà chiesta la massima duttilità. Le caratteristiche dei singoli, poi, il mister le scoprirà sul campo man mano per fare fruttare al meglio.

“Nella mia carriera ho sempre cercato di mettere i calciatori nelle migliori condizioni per lavorare al meglio: stiamo lavorando sulla difesa a quattro, ma non trascuriamo il reparto a tre. I ragazzi devono essere polivalenti e sapersi abituare a più situazioni anche a gara in corso per poi cambiare in base alle necessità”.

“Stiamo lavorando sulla difesa a quattro, crediamo sia il sistema migliore per far esprimere al meglio questo gruppo. Se non funzionerà, dovremo essere duttili e pensare al meglio per la squadra. Per conoscere i ragazzi ho visto un po’ di partite della Primavera 2 e per questo motivo conoscevo già qualche calciatore, ma è importante testare i giocatori sul campo. Sono curioso di scoprirli giorno dopo giorno, proviamo a migliorarli grazie anche ad una preparazione atletica che possa supportare le loro qualità tecniche”.

“Il mio credo calcistico è quello di provare a fare un possesso palla che non sia fine a se stesso ma sempre finalizzato alla profondità, quando c’è possibilità di verticalizzare va fatto. Se l’avversario ci aspetta, però, è necessario passare per le corsie esterne per poi cercare l’imbucata per gli attaccanti. Tutti sanno che c’è bisogno di qualità oltre alle idee dell’allenatore, sono i calciatori a scendere in campo ed a decidere le gare con le loro giocate”.

Il nuovo acquisto Gustavo Cipriano ha destato subito un ottima impressione, ma è tutto il gruppo che dovrà crescere. In questo l’esperienza di alcuni elementi presenti da più tempo sarà fondamentale.

“Voglio dare tranquillità a questi ragazzi, hanno bisogno del bastone, ma anche della carota e della carezza per farli esprimere al meglio. Non va bene sempre lo stesso metodo per tutte le squadre: bisogna capire quale sarà la medicina migliore per questo gruppo. Gustavo Cipriano è un ragazzo che ha tanta voglia di imparare, ha ottime qualità ed è sempre molto concentrato: dovrà capire, attraverso una conoscenza dell’italiano, il nostro calcio. Sono fiducioso perché ha ampi margini di miglioramento, ma partiamo da un’ottima base.

“Affronteremo la prima squadra quando rientrerà dal ritiro in Germania, poi valuteremo a che punto saremo nella nostra preparazione. I più esperti del gruppo devono aiutare i più giovani, devono essere amplificatori del mio pensiero trasmettendo sul campo il nostro credo di gioco e le loro qualità tecniche. Confido sulla crescita giornaliera di ogni singolo calciatore, dobbiamo lavorare molto con grande umiltà. Essendo giovani è facile sfuggire ai parametri che deve avere un calciatore che ambisce al professionismo: serve grande sacrificio per migliorarsi e per acquisire le nozioni necessarie per la vita di campo”.

In chiusura Menichini ha ricordato il recente passato a Salerno. Ora però la sua attenzione e tutta per gli impegni che il calendario prospetta ad inzio stagione.

“Ho un grande ricordo di Salerno, mi vogliono tanto bene perché abbiamo vinto un campionato in Serie C. Il Presidente Lotito mi ha chiamato per salvare la squadra ai play-out contro il Lanciano, mentre lo scorso anno siamo riusciti a salvarci con il Venezia in un campionato tormentato. Non sapevamo contro chi avremmo giocato i play-out, non è stato facile tenere la squadra concentrata ad un mese dal termine del campionato. Nell’anno del centenario, però, abbiamo salvato la squadra ed ho ricevuto tanti riconoscimenti da parte della piazza granata. Mi è stato trasmesso tanto affetto, ma ora inizia una nuova stagione e sono concentrato su quello che stiamo facendo.

Il calendario? Dovremo affrontarle tutte le squadre, dobbiamo prepararci per ogni evenienza perché anche le partite più facili possono diventare le più difficili. Tutto va conquistato sul campo, con sacrificio e voglia di soffrire. Ogni gara nasconde delle insidie e bisogna stare sempre sul pezzo per non incorrere in brutte figure”.

 

Leggi anche:

Lazio, calcio-tennis e non solo: il pallone domina il pomeriggio a Marienfeld

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
trackback

[…] Primavera, Menichini: “Serve pazienza, i ragazzi però hanno grande entusiasmo” […]

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Mito e Bandiera per Sempre!"
Immobile

#CountdownToHistory: col gol al derby, Immobile supera anche Rocchi nello score delle stracittadine

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da Settore giovanile