Resta in contatto

Parola ai tifosi

Ciao Radu, ciao Stefan. Ciao amico mio e buona fortuna

Stefan Radu

“Non so cosa sia successo. E forse neanche voglio saperlo”, ci scrive il nostro amico Max883: il suo saluto a Stefan Radu, al passo d’addio con la Lazio dopo quasi 12 anni

Caro Stefan, sono qui a fare quello che mai avrei pensato: salutarti mentre lasci la nostra Lazio. Sì, la nostra, perché se io sono romano e quindi automaticamente laziale, tu lo sei diventato in questi undici anni e oltre di militanza.

Non so cosa sia successo. E forse neanche voglio saperlo. Preferisco portare via con me le mille esultanze sotto la Nord, le bandiere sventolate, i pugni alzati in cielo in segno di vittoria e anche le mille baruffe di campo che hanno contraddistinto il tuo carattere. Quel carattere che tu conosci bene e per il quale hai rinunciato alla meritata fascia da capitano.

Ci hanno unito in questi anni le vittorie di cinque trofei, ma soprattutto l’amore che ci siamo scambiati reciprocamente già dal primo giorno. Come se avessimo già capito che quel ragazzotto rumeno ci avrebbe regalato mille soddisfazioni.

Ti fermi a pochi passi dal record assoluto di presenze, quel traguardo che sicuramente avresti tagliato e che ti avrebbe portato ancora di più nell’Olimpo dei grandi laziali. Ma forse a te neanche serviva veramente, perché nell’Olimpo già ci sei e il tuo nome resterà ben scolpito per sempre.

Ti chiedo anche scusa. Scusa per quei momenti in cui ti abbiamo dato per finito, ma in realtà non avevamo capito che pur di giocare e difendere la maglia, scendevi in campo in condizioni precarie.

Ora è arrivato il momento dei saluti e dei ringraziamenti. Ci alziamo tutti in piedi dal nostro seggiolino, ci asciughiamo le lacrime e ti accompagnano all’uscita circondato da tutti gli applausi che meriti. Sei stato un uomo, un giocatore, uno scudo, ma soprattutto un amico!

E allora ciao amico mio, buona fortuna!

 

Leggi anche:

Lazio, Felipe Anderson incontra Lulic: “Bello rivederti, Capitano”

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
trackback

[…] Ciao Radu, ciao Stefan. Ciao amico mio e buona fortuna […]

Muzio
Muzio
1 anno fa

Buona fortuna aquilotto, di cuore. Li vorrei tutti col tuo carattere quelli che hanno e avranno l’onore di indossare la nostra maglia.

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Mito e Bandiera per Sempre!"
Immobile

#CountdownToHistory: Immobile prosegue la sua striscia di gol anche contro la Fiorentina

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Ricordo bene quei giorni e inoltre Pablito e' sempre stato umile, equilibrato, rispettoso. Una di quelle persone che rispetti profondamente anche se..."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da Parola ai tifosi