Resta in contatto

News

Roma, l’inchiesta di Repubblica: “La rivolta di De Rossi e tre senatori contro Totti”

Roma, la congiura dei giocatori giallorossi contro Totti

Roma, l’addio turbolento di De Rossi continua a tenere banco. Ma un’inchiesta de La Repubblica tratteggia su uno scenario completamente diverso

Domenica scorsa allo Stadio Olimpico il capitano della Roma, Daniele De Rossi, ha vestito per l’ultima volta la maglia giallorossa. L’addio forzato dopo 18 anni di carriera romanista ha suscitato forti polemiche e i tifosi hanno preso le parti del loro capitano. Dallo stadio pieno per l’ultima partita di “Capitan futuro” a striscioni come “Siamo tutti DDR”, sono stati chiari segnali di protesta nei confronti della dirigenza americana.

Ma oggi un’inchiesta di Repubblica mette in luce uno scenario completamente diverso. Uno scenario di segreti e congiure che ribalterebbe anche il legame fra De Rossi e Francesco Totti.

Cosa succederebbe se proprio il suo compagno di squadra De Rossi e parte dello spogliatoio si fossero lamentati del nuovo ruolo di Francesco Totti? Questo è quanto emergerebbe dall’inchiesta in edicola oggi di Repubblica. Quattro senatori, ovvero De Rossi, Manolas, Dzeko e Kolarov, avrebbero iniziato una trama segreta di proteste e lamentele. Da qui avrebbero chiesto di fatto l’allontamento dell’ex allenatore Di Francesco, del ds Monchi e soprattutto di Francesco Totti.

L’intera vicenda, inizialmente segreta, viene poi alla luce all’interno della società giallorossa. Inizia così un periodo di confusione durante il quale i risultati della Roma diventano critici, primi fra tutti il 7-1 contro la Fiorentina, l’uscita dalla Champions League e la sconfitta sonora al derby. Di Francesco dà le dimissioni, il direttore sportivo anche e si allontana dalla capitale ben prima che finisca la stagione. Insieme a loro anche Del Vescovo e Stefanini. La giustificazione ufficiale sono i troppi infortuni.

Ma all’interno dello spogliatoio la versione ufficiosa è un’altra: dietro a tutto questo c’è Francesco Totti. Così fra il numero 10 e De Rossi scende il gelo fino a quell’ultima immagine di domenica scorsa. Un abbraccio fra i due e un “Non volevo” divenuto virale che forse oggi si comprende meglio.

10 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
10 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Altro da News