Resta in contatto

Casa Lazio

Lazio, ancora niente rinnovo per Lulic: sarà l’ultima stagione in biancoceleste?

La Gazzetta dello Sport: Lulic, lo specialista dei 70'

Senad Lulic è in scadenza di contratto, ma ancora non si parla di rinnovo. Possibile che la prossima sia l’ultima stagione con la Lazio

Il suo nome è leggenda. A Roma, su entrambe le sponde calcistiche del Tevere, per motivi diversi, Senad Lulic rimarrà in eterno nella memoria dei tifosi. Eppure anche per lui potrebbe arrivare il momento dei saluti.

Il contratto è in scadenza nel 2020 e per ora non ci sono segnali di rinnovo in vista. Da qualche tempo, peraltro, la sua famiglia è tornata a vivere in Svizzera e questo sembrerebbe un altro indizio. Da gennaio prossimo, senza un accordo con la Lazio, potrebbe decidere di accasarsi dove vuole.

Arrivato dallo Young Boys nel 2011, è diventato un simbolo per la squadra e la tifoseria. Se divorzio dovrà essere non sarà burrascoso, ma di comune accordo con la dirigenza. Il nodo della sua permanenza non è legato a cifre o questioni tecniche di campo. Si tratta solo una scelta personale per decidere dove e come concludere la sua carriera. Il trentatreenne esterno sinistro ha sempre garantito un costante rendimento. Ma ci può stare che la società decida di inserire in quel ruolo dei profili più giovani. In ogni caso, sono tutti discorsi che possono aspettare ancora qualche mese prima di essere affrontati. La sua permanenza per quest’anno è assolutamente certa. Poi si vedrà.

E anche se la prossima dovesse realmente diventare l’ultima stagione con l’aquila sul petto, per i laziali sarà per sempre il castigatore del 26 maggio. E continuerà a comparire a lungo nei peggiori incubi giallorossi (anche se essi si ostinano a negarlo).

 

Leggi anche:

Lazio, CorSport: “Strakosha resta ma se si muove occhio a Lafont”

 

 

10 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
10 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Altro da Casa Lazio