Resta in contatto

Parola ai tifosi

Lazio, il trionfo in Coppa Italia è anche la vittoria della Maglia Bandiera

Joaquin Correa premiazione Coppa Italia

La Lazio che vince la Coppa Italia, la chiusura del cerchio per la Maglia Bandiera: per Parola ai tifosi, il nostro amico Max883

Toccare l’inferno con un dito per poi arrivare a piè pari in Paradiso: sembra il lieto fine di un supereroe, invece è la storia di una maglia, anzi, di una seconda pelle: la Maglia Bandiera.
Entrata in un periodo storico difficile per la Lazio, tra Serie A e B, fino a sfiorare l’inferno della C. Una maglia vestita da Giordano, D’Amico, ma identificata nel cuore dei laziali dalla Banda del -9.

Quel gruppo di uomini che, agli ordini di Eugenio Fascetti, ha fatto la storia della Lazio. Una squadra che, nonostante non abbia vinto scudetti, viene ricordata con la stessa forza delle Lazio più gloriose e vincenti, se non addirittura più amata della squadra di Maestrelli e Eriksson.

E quella maglia aveva poi riposato fino al 2015, quando ricompare nella sua bellezza per aiutare la Lazio che rincorre il sogno Champions. Era la Lazio di Pioli, Candreva ma soprattutto di Miro Klose e Felipe Anderson. Una squadra che a fine anno arriverà terza, ma che purtroppo perderà la finale di Coppa Italia contro la Juve di Allegri, dove però giocherà senza la maglia degli eroi.

Un paio di anni in naftalina per poi ripresentarsi all’inizio di questa stagione, bella, sempre di più se possibile, per aiutare la squadra a prendersi quello che lo scorso anno gli è stato tolto. L’incantesimo quest’anno non ha funzionato, la squadra si è trascinata tra prestazioni esaltanti come il derby e sciagurate come quella col Chievo, vedendo svanire anche quest’anno la coppa dalle grandi orecchie.

Fino a ieri, la grande serata. La Lazio di Immobile, Acerbi, Milinkovic Savic ma soprattutto la Lazio di Simone Inzaghi, l’allenatore che abbiamo sempre sognato e che ora finalmente abbiamo, l’uomo che negli ultimi tre anni ci ha regalato tre finali vincendone due. La Lazio che finalmente si presenta con la MAGLIA e fa sua la settima Coppa Italia, una coppa che rende la Lazio la quarta squadra più titolata in Italia e la prima squadra della Capitale anche per titoli vinti.

Si chiude così un cerchio iniziato trent’anni fa, si chiude nel migliore nei modi. Ora la maglia riposerà per un bel po’, ne ha bisogno. La Maglia degli Eroi ha finito il suo compito… per ora! Magari tra dieci anni aiuterà i nuovi Fiorini, Klose, Immobile in qualche altra impresa. Buon riposo amore mio… GRAZIE.
Viva La Lazio.

 

Leggi anche:

Due parole a Gasperini

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Mito e Bandiera per Sempre!"
Immobile

#CountdownToHistory: col gol al derby, Immobile supera anche Rocchi nello score delle stracittadine

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da Parola ai tifosi