Resta in contatto

Parola ai tifosi

Due parole a Gasperini

Gasperini accusato dal Valencia: "Aveva i sintomi del Covid e non ha avvisato"

La lettera-pensiero di Paolo, tifoso della Lazio, indirizzata a Gasperini e alle lamentele nel post partita.

Caro Mister Gasperini,

Da appassionato di calcio non posso che condividere il suo disappunto in merito all’episodio del fallo di mano in area del difensore della Lazio Bastos.

Inconcepibile come non sia stato assegnato il rigore a favore della sua squadra. Un errore ingiustificabile, al giorno d’oggi, con la tecnologia in campo. Una considerazione, però, mi sento di doverla fare. Lei è arrivato ai microfoni della Rai con un animo abbastanza disteso, poi le hanno fatto vedere l’episodio alla moviola e ha cambiato espressione, affermando “questo non lo avevo visto” e poi aggiungendo anche, quasi per minimizzare il comportamento dei suoi giocatori, “negli spogliatoi i ragazzi mi hanno accennato qualcosa“.

Mi viene da pensare che se il mancato rigore fosse stato contestato in campo e fuori, lei probabilmente avrebbe iniziato l’intervista chiedendo subito la visione dell’episodio. Così non è stato e, a mio parere, ciò non è avvenuto, perché né lei, né i giocatori, né l’arbitro e, ultimo ma non ultimo, nemmeno il VAR, hanno notato questa cosa macroscopica. Assurdo dirà lei e sono d’accordo, è assurdo.

È già successo, però, ed è successo perché, da statistica, il VAR non dà la sicurezza al 100% della mancanza di errori.

Quando? Glielo dico io. Stagione scorsa, Milan – Lazio: il goal del 2 a 1 di Cutrone è stato segnato con la mano. Anche in quell’occasione né Inzaghi, né i giocatori in campo, né l’arbitro, né il VAR, avevano visto quel fallo. Inzaghi se ne accorse quando gli fu fatto notare da qualcuno che aveva rivisto l’azione al monitor. A fine partita chiese a Cutrone se avesse colpito con la mano e il ragazzo rispose di no. Nei giorni successivi si arrivò alla conclusione che il fallo non era stato visto da nessuno. È successo una volta e si è di nuovo verificato ieri sera.

Concludo con due parole sulla partita. L’Atalanta quest’anno nei due incontri di campionato ha surclassato la Lazio. Ieri, episodio a parte, ciò non è avvenuto. Probabilmente la Lazio ha saputo concretizzare al meglio le occasioni favorevoli e nel complesso ha meritato più dell’Atalanta. E lei lo sa. Se invece pensa ad una regia occulta. Beh… padrone di farlo, ma restano chiacchiere da trasmissione sportiva o da Bar.

Ad maiora.

7 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
7 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Il libero e capitano della Lazio del primo scudetto

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Altro da Parola ai tifosi