Resta in contatto

News

Lazio-Atalanta, Gasperini: “In finale si ripartirà da zero”

Gasperini accusato dal Valencia: "Aveva i sintomi del Covid e non ha avvisato"

Lazio-Atalanta, Gian Piero Gasperini commenta la vittoria dell’Olimpico: le dichiarazioni del tecnico nerazzurro nel post partita

Nel post partita di Lazio-Atalanta, Gian Piero Gasperini ha analizzato la vittoria che accresce i sogni Champions dei bergamaschi.

Queste le dichiarazioni del tecnico nerazzurro a Sky Sport:

Voi parlate di Champions, io ho le mani dietro la schiena e faccio le corna. Oggi Abbiamo fatto un’impresa straordinaria che ci mette nella condizione di crederci sempre più. Le vittorie sono tutte importanti, ma quella di oggi sul campo della Lazio ha indubbiamente un valore maggiore. Abbiamo una grande consapevolezza dei nostri mezzi. Nel gioco questo ci dà serenità e forza. La tranquillità con cui i ragazzi giocano si vede nell’arco di tutta la partita e porta i suoi risultati. Il mio obiettivo è innanzitutto far divertire i miei giocatori, sin da quando vengono ad allenarsi: credo che questa sia una cosa fondamentale nel calcio. Ho i miei metodi di allenamento, come tutti gli allenatori. Alla Champions abbiamo cominciato a crederci dopo aver vinto col Napoli. Il nostro obiettivo è sempre stata l’Europa League, non lo nascondo, ma dopo quella vittoria abbiamo pensato che potessimo davvero farcela. Ancora non è fatta però. Tra Champions League o Coppa Italia, in tempi non sospetti ho scelto la Champions: i trofei non sono solo le coppe ma anche i risultati. Per l’Atalanta arrivare nell’Europa che conta significherebbe tanto“.

Il mister atalantino ha poi parlato in conferenza stampa:

Siamo andati sotto e poi abbiamo recuperato in quattordici partite con questa, in almeno 7-8 abbiamo preso gol in pochissimi minuti. È uno schema (ride ndr). Prima o poi pagheremo questa difficoltà, ma la squadra è eccezionale per come non smette mai di giocare il proprio calcio con grande convinzione. Questo per me è il premio più grande“.

La Lazio è una squadra pericolosa, con valori importanti. Poi la partita ha preso una piega a noi favorevole, ma c’è voluto tempo. Abbiamo vinto bene, ma questo non toglie che sia stata una gara difficile. Siamo riusciti a rallentare i loro attaccanti, che ci stavano mettendo in difficoltà“.

Questo è il risultato di questa partita, nella finale si ripartirà da zero e sarà un’altra partita. Non è la Lazio a essere vulnerabile, ma siamo noi in grado di segnare a tutti. Siamo il miglior attacco del campionato, due gol in più della Juventus ed è qualcosa di strabiliante“.

Se qualcuno mi vuole, prima di tutto dovrebbe andare dal mio presidente. Ma stiamo vivendo un momento così fantastico, non ha senso parlare di mercato. Siamo a un passo da una stagione che può darci tutto e teoricamente ancora niente, abbiamo messo una bella ipoteca sull’Europa League e per la Champions è tutto aperto“.

Avrei preferito giocare la finale di Coppa Italia non in mezzo alla settimana, non sarà il massimo neanche per i nostri tifosi“.

 

Leggi anche:

Lazio-Atalanta, Zapata: “Se il sogno diventerà realtà sarà merito nostro”

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Mito e Bandiera per Sempre!"
Immobile

#CountdownToHistory: Immobile affonda anche il Sassuolo. Girone d’andata chiuso a quota 13

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da News