Resta in contatto

Parola ai tifosi

Il derby vinto dalla Lazio, un derby da Lazio

Lazio, la festa dopo la vittoria

Lazio, il nostro lettore Gabriele Manfredi ringrazia uno per uno gli eroi del derby.

Il 2-3-19 è una data che rimarrà nella memoria di tutti noi tifosi della Lazio. La data di un derby da Lazio, giocato e vinto come solo noi sappiamo fare: con il cuore e con la grinta.

Un derby vinto grazie alle parate di Strakosha, troppo criticato per i pochi errori e mai esaltato per le molte parate decisive come quelle di sabato sera.

Il derby della consacrazione di Acerbi, che in un crescendo di prestazioni, ha giocato una partita sontuosa e fenomenale.

Il derby di Radu, idolo indiscusso e – prima che calciatore – tifoso della Lazio: la sua faccia al momento dell’espulsione di Kolarov è la nostra faccia, la nostra risata.

Il derby di Bastos, che ha sfoderato un’altra grande prestazione senza errori.

Il derby di Lucas Leiva, nato il 9-01 e che ogni giorno dimostra la sua lazialità e la sua grande forza.

Il derby di SMS, che finalmente ha giocato una gran partita di quantità e qualità.

Il derby di Luis Alberto, tornato sui suoi livelli.

Il derby di Correa, che ha mostrato quanto valga e quanto sia forte!

Il derby di Marusic, che con grinta e cuore ha dominato sulla fascia.

Il derby di Caicedo, che con la sua potenza ha aperto le danze e dimostrato quanto per noi sia importante.

Il derby di Ciro, che non stava bene ma, appena entrato, ci ha messo grinta e cuore e lottato come sempre e ancora di più.

Il derby di Parolo, che non al meglio ha dato l’anima come sempre.

Il derby di capitan Lulic, fenomenale come il 26 maggio e unico come sempre.

Il derby di Cataldi, un romano e laziale che più di tutti meritava il goal nel derby: il suo goal stile PlayStation, l’ho visto e rivisto mille volte.

Il derby di Rómulo, Badelj, Wallace, Luiz Felipe, Patric, Pedro Neto, Durmisi e tutti gli altri della panchina, preziosi e utili quando chiamati in causa.

Il derby di Simone, nostro condottiero, laziale fino al midollo, tifoso in primis ma sopratutto grandissimo allenatore, che con grande grinta ci ha condotto alla vittoria.

Ultimo ma non ultimo, è stato il derby di noi tifosi. Ci abbiamo creduto, da sempre abbiamo sofferto e gioito per i nostri colori e per la nostra squadra sempre più unica: la nostra Lazio, i nostri colori, la nostra vittoria!

Grazie ragazzi, anche se da lontano, sempre più vicino a voi!

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Avevo 12 anni ero uno che quando segnava chinaglia urlavo e piangevo di gioa ,avevamo vinto due anni prima lo scudetto e appena quattro anni prima ero..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "rimpiazzato ovviamente da William Vecchi"

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory, Immobile fa 150 e la vetta è sempre più vicina…

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Advertisement

Altro da Parola ai tifosi