Resta in contatto

Casa Lazio

Lazio, Inzaghi prova la difesa a quattro: le novità alla vigilia della sfida col Milan

Lazio, Senad Lulic

Lazio, le ultime da Formello alla vigilia della semifinale d’andata di Coppa Italia.

Per la stagione della Lazio, sarebbe una novità assoluta. Almeno dal primo minuto, s’intende. Simone Inzaghi prova la difesa a quattro: l’emergenza si fa sentire e il tecnico sperimenta una soluzione mai adottata finora dall’inizio.

La linea a quattro provata da Inzaghi

Leiva e Acerbi la coppia inedita al centro della retroguardia, Marusic e Lulic i due terzini: sarebbe questo l’assetto per domani sera, nel caso in cui Inzaghi abbandonasse la linea a tre. A proposito di Lulic: il capitano sta smaltendo la contusione al ginocchio e – tranne sorprese dell’ultima ora – sarà regolarmente in campo.

Bastos e Luiz Felipe in gruppo

Stamattina vi avevamo raccontato invece l’indiscrezione relativa a Bastos, Luiz Felipe e Wallace: un’anticipazione confermata da quanto avvenuto a Formello nel pomeriggio. I primi due hanno svolto l’intero allenamento in gruppo, mentre l’ultimo si è limitato a un lavoro differenziato. Sia Bastos (soprattutto lui) che Luiz Felipe potrebbero accomodarsi in panchina, ma sarebbe già un enorme passo avanti.

Rebus dal centrocampo in su: l’unica certezza sono gli uomini

Dal centrocampo in su, regna invece una maggiore abbondanza. L’eventuale passaggio alla difesa a quattro ridisegnerebbe comunque in maniera inedita anche la mediana e l’attacco. La certezza riguarda gli uomini provati da Inzaghi: Romulo, Badelj, Parolo, Milinkovic, Correa e Immobile. Disponibile anche Luis Alberto, ma lo spagnolo potrebbe ritagliarsi al massimo uno spazio a gara in corso. È tornato ad allenarsi Caicedo, dopo due giorni di stop.

I moduli sul tavolo

Quale sarà l’assetto allora? Inzaghi potrebbe scegliere tra un 4-2-3-1 (con Badelj e Parolo in mediana e Milinkovic trequartista centrale), oppure alzare Romulo sulla linea di Immobile e Correa per un 4-3-3 atipico. Ma è impossibile escludere a questo punto anche le soluzioni 4-1-4-1 o 4-3-2-1 (in quest’ultimo schieramento, Milinkovic e Correa si muoverebbero alle spalle di Immobile). Un bel rebus, non c’è dubbio. A Inzaghi l’onere e l’onore di risolverlo, in vista di questa gara fondamentale per la stagione della Lazio.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
trackback

[…] Simone Inzaghi e Gennaro Gattuso arrivano all’appuntamento in condizioni diametralmente opposte. Se il tecnico del Milan può contare sulla rosa praticamente al completo (fatta eccezione per i lungodegenti Caldara e Bonaventura), il mister laziale deve affrontare una vera e propria emergenza difensiva. Per questo, nella rifinitura di Formello, Inzaghi ha provato l’inedita difesa a quattro. […]

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Allora pare che domani, per ovviare alle molte assenze, soprattutto in difesa, Simone opterà per la difesa a quattro, schierando la seguente formazione (Strakosha; Marusic, Leiva, Acerbi, Lulic; Parolo, Badelj; Rómulo, Milinkovich, Correa; Immobile) col 4-2-3-1, ossia per capirci il metodo adottato da Stefano Pioli nella prima annata della sua gestione, una delle Lazio più belle e spettacolari che io ricordi; ma anche il modulo col quale vincemmo la Coppa Italia con Petcovich. Io spero che lo faccia e che si risolva a farlo sempre, da qui alla fine del campionato. Ecco perché: 1) i nostri centrali sono modesti, per… Leggi il resto »

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Immobile

#CountdownToHistory: Immobile supera Signori al 2° posto all time

Ultimo commento: "Prendere Piola la vedo dura ... "
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Ho avuto la fortuna di conoscerlo, parlarci per ore ed era prorprio come viene descritto da tutti. Ho ancora la sua maglia originale: quella con il 9,..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il suo dito che esce fuori dalla nebbia al derby. Non si vedeva nulla ma la palla era dentro la rete! E segna sempre lui!"
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Fascetti una persona indimenticabile, grazie"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."

Altro da Casa Lazio