Solo La Lazio
Sito appartenente al Network

Lecce – Lazio, le Cardopagelle: Sergej assente, Sarri confuso. Ma almeno Ciro c’è

Lecce – Lazio, i voti e le pagelle dei biancocelesti a cura del direttore Giulio Cardone

Provedel 5,5

Non è il più Supereroe delle prime 10 partite di campionato, si è capito. Si è normalizzato e gli vogliamo bene lo stesso, ma per favore eviti di respingere i palloni buttandoli regolarmente – e drammaticamente – in mezzo all’area…

Lazzari 5,5

Formidabile quando spinge, ma stavolta distratto in copertura su entrambi i gol.

Casale 6,5

Io penso che dai quattro nostri difensori, la Lazio debba ripartire. Sono forti e lavorano bene, quando sono aiutati dal necessario filtro di centrocampo. Stavolta Nicolò fa addirittura l’assist – e che assist – a Ciro. E solo una grande parata di Falcone gli nega il gol.

Romagnoli 6

Leader imprescindibile, non ancora attrezzato per i miracoli.

Marusic 6-

Ripeto: non sembra il terzino sinistro il problema della Lazio. Anche se su Strefezza doveva essere più reattivo e presente.

Milinkovic 5

Mezzo voto in più perché anche nella pessima giornata aveva comunque inventato un assist per Ciruzzo nostro. Per il resto, tra le peggiori partite della sua favolosa carriera laziale. Ma non lo avrei cambiato lo stesso.

Cataldi 5+

Penalizzato dalla lombalgia che lo ha costretto ad allenarsi poco nei giorni scorsi, Danilo regge un tempo e poi evapora.

 Basic 5

Gravissimo che abbia divorato l’occasione del 2-0, tra l’altro col suo sinistro. Il resto passa in secondo piano, e non era niente di che.

Pedro 5

Micidiale quando viene utilizzato part-time, entrando nella ripresa, spesso Pedrito non offre lo stesso rendimento quando parte titolare. Stavolta è colpevole due volte nell’azione dell’1-1: sbaglia il passaggio (di tacco) e poi non copre. Sinceramente avrei scelto Felipe e Zaccagni a prescindere.

Immobile 7

Gol bello perché era difficile trovare la traiettoria giusta da quella posizione. Ma Ciro colpisce e arriva a 190 reti con la Lazio. Ha saltato 5 gare su 16 di campionato ed è lo stesso a due passi dalla vetta della classifica dei cannonieri. Da applausi, anche, quella dichiarazione nel post-gara: serve più passione. La sua è esemplare.

Zaccagni 6

Sempre vivo e acceso, anche se poteva fare di più nell’occasione poi sprecata da Basic. Ma mi sembra abbia subito riattaccato la spina, lui sì.

Sarri 5

Non ho capito l’esclusione di Felipe, una certezza ormai, e il cambio di Milinkovic, infatti frutto di un grave difetto di comunicazione in panchina. Ha presentato centrocampisti giù di condizione e una squadra sovrastata fisicamente nella ripresa. Sarri è bravissimo quando ha tanti giorni per preparare una partita, stavolta ha steccato clamorosamente. Né la sua Lazio sa riprendersi quando la partita le sfugge di mano. Insomma è giusto che qualche responsabilità, per il disastro di Lecce, se la prenda anche il nostro allenatore. Mi restano i dubbi sul nostro tecnico come motivatore, spero ci dia segnali diversi da qui in avanti. Soprattutto, il mister e la squadra devono subito riscattarsi con una prestazione super domenica.

Vecino 5,5

Sarri lo ha escluso perché la forma non è al top. Deve ritrovarla al più presto perché Matias l’Equilibratore è troppo importante.

Felipe Anderson 5 +

Entra e si adegua alla prestazione spenta (come un fiammifero, ha detto Sarri) dei compagni. E si fa sfuggire alle spalle Di Francesco nell’azione del 2-1. Ma perché non abbia giocato titolare resta un mistero (nonostante le spiegazioni del Comandante dopo la gara).

Marcos Antonio 6-

Cerca di dare più ritmo alla manovra lenta e prevedibile della Lazio, non gli riesce granché.

Cancellieri sv

Romero sv

Subscribe
Notificami
guest

11 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Val
Val
1 anno fa

Direi voti abbastanza generosi per una prestazione simile.

Sul terzino sinistro non sono d’accordo Cardone: forse hai dimenticato quando Marusic o Lazzari erano assenti ed abbiamo dovuto schierare un Hysaj.

Ne abbiamo bisogno anzitutto per avere un alternativa valida su quella corsia e di conseguenza anche sul lato opposto (alcune gare magari le si potrebbe giocare alternando Lazzari e Marusic a destra, etc.).

Personalmente speravo in una gara completamente diversa contro il Lecce, ed a mio avviso Sarri inizia ad avere le sue responsabilità su alcune scelte che si stanno rivelando errate da diverse gare.

Il discorso “cilindrata” dei calciatori lascia a mio avviso il tempo che trova, poiché la Lazio non ha il budget di altre realtà (ma parecchie squadre in A non lo hanno) come quelle della Premier League inglese dove oltre ad avere fisicità e resistenza, i calciatori hanno anche classe.

Qui ci si può orientare su calciatori molto bravi tecnicamente o molto forti fisicamente, oppure su “ibridi” che siano decenti tecnicamente e che reggano il box-to-box per una porzione di gara, oltretutto perdendo poi la lucidità in fase realizzativa/assist in tali fasi.

Credo che il gioco che voglia fare Sarri sia molto dispendioso sia in termini fisici che di attenzione mentale (oltretutto la seconda viene a mancare quando si è in debito di ossigeno), e ce lo si possa permettere solo in determinate gare contro un certo tipo di avversari o per parte delle stesse.

Basti vedere le statistiche sugli esterni d’attacco che tirano molto poco e fanno pochi assist, poiché perdono lucidità in quella fase dopo aver dovuto fare da terzini aggiunti in quella immediatamente precedente di recupero palla/difensiva.

Forse il tecnico dovrebbe rivedere alcune sue convinzioni, perché se ieri il piano era di far stancare gli avversari nei primi 60’, invece è avvenuto esattamente l’opposto ed i nostri erano con la lingua di fuori dopo appena 30’.

Comunque Basic (alto 2 metri) qualcuno deve spiegarmi perché non va a colpire di testa in area avversaria su calcio d’angolo per noi, a fine partita mentre si sta perdendo e si cerca di pareggiarla a tutti i costi.

Io mi sono stancato da un pezzo di aspettarlo, non è possibile continuare a dargli alibi su alibi, specialmente poi quando si criticano aspramente calciatori come Milinkovic o Luis Alberto, i quali due o tre cose buone le hanno fatte in questi anni di Lazio.

Massimiliano
Massimiliano
1 anno fa
Reply to  Val

D’ACCORDO CON TE. Non aggiungo altro..

Fabrix
Fabrix
1 anno fa
Reply to  Val

Val, ok tua disamina tecnica eccellente. Tuttavia sono molto deluso dall’atteggiamento mentale della squadra. No passione, no tensione, leziosità e passaggi 9 su 10 sbagliati (ieri non si riusciva ad venir fuori dall’area quasi). Questo mi preoccupa. Come tu hai scritto dopo 50 giorni di pausa, dopo appena 30′ di gioco sembravano zombies. Il Lecce ha giocato al solito contro di noi la partita della vita con foga e accanimento. Cardone è troppo indulgente, forse per non affossare la squadra a livello mediatico. Da quello che vedo i nostri mi sembrano svuotati e alcuni anche desiderosi di cambiar aria

Val
Val
1 anno fa
Reply to  Fabrix

Posso solo constatare che anche prima della sosta ho visto in alcune altre gare questo tipo di impostazione che poi si è andata a far benedire in corso d’opera.

Io a questo punto credo la questione mentale o l’eventuale presunzione c’entrino fino ad un certo punto, propendo più per la tesi “mancanza alternative quando il piano gara iniziale salta”.

Massimiliano
Massimiliano
1 anno fa

Sarri in confusione totale! Se mi consentite io gli darei come voto: 3. Non ha ancora dimostrato quasi nulla alla Lazio per il suo ‘blasone’ e per il suo altissimo ingaggio(cinque milioni…). Non sa costruire una squadra compatta in grado di difendere “sporco” a seconda delle diverse necessità tipo Juventus e Lecce; propone un bel gioco.. fatto di mille ‘passaggetti’ ma sterile ed inconsistente davanti alla porta avversaria. Inoltre, mostra raramente segnali di cambiamento nell’ambito di un 4-3-3 versione Zemaniana(peggior versione..), che gli avversari ormai conoscono come il “Padre Nostro” e ci ha già fatto perdere 6 partite totali su 20… E forse buttare alle ortiche le possibilità di poter centrare ‘zona Champions’/ vittoria Conference league../ vittoria Coppa Italia.. P.s. Mi dispiace dirlo, ma in quest’uomo vedo molta intelligenza e cultura ma tantissima presunzione ed ARROGANZA, inoltre una INVOLUZIONE che ormai dura da anni e che lo aveva lasciato disoccupato(ESONERATO dalla Juventus forse non casualmente.. anzi per situazioni che si stanno ripetendo a Roma ed a Formello…,). Saluto i tifosi della Lazio che rimarrà sempre nel mio 🤍💙 SFL !!

Val
Val
1 anno fa
Reply to  Massimiliano

Forse 3 è eccessivamente basso come voto, ma se a Milinkovic gli si dà 4,5 allora a Sarri gli si può dare tranquillamente 4.

Come ha fatto notare ieri Guido De Angelis, ci si è intestarditi a provare l’uscita dal basso in una fase in cui forse sarebbe stato meglio fare un po’ di lanci lunghi visto come ci pressavano e che si era ancora in vantaggio.

Comunque avessero siglato il raddoppio Zaccagni/Basic in una occasione o Ciro in un altra su assist di Milinkovic, probabilmente la gara si sarebbe messa sul binario in cui sperava di metterla Sarri.

Massimiliano
Massimiliano
1 anno fa
Reply to  Val

Caro Val, Buon anno nuovo e salutoni, però con i ‘se’ ed i ‘ma’
che tu menzioni a fine discorso.. PURTROPPO, TEMO NON SI VADA DA NESSUNA PARTE.

Val
Val
1 anno fa
Reply to  Massimiliano

Buon anno anche a te Massimo!

Fabrix
Fabrix
1 anno fa

La Lazio aveva perso la partita da giorni. Si era capito dall’atteggiamento nostro e da come si caricavano a Lecce che contro di noi giocano sempre alla morte. C’e’ un caso Luis Alberto, Milinković, vorrei sbagliare, ma non vede l’ora di cambiare aria, Bašić e’ un giocatore che si e’ perso, Marcos Antonios meglio stendere un velo pietoso e non abbiamo un secondo portiere. Sarri, in confusione micidiale, sbaglia i cambi, ma anche la formazione. Secondo anno di transizione. Spero l’ultimo

Val
Val
1 anno fa
Reply to  Fabrix

Io non capisco perché abbia rinunciato alla catena di destra Lazzari-Milinkovic-Anderson che funziona molto bene ora che poteva schierarla nuovamente.

Massimiliano
Massimiliano
1 anno fa
Reply to  Fabrix

SÌ, speriamo sia l’ultimo ‘anno di transizione’… A mio avviso, Fabrix, si dovrà forse ripartire con molta più umiltà, ma senza perdere ogni sorta di ambizione ! P.s. I ‘fantasmi’ di Inzaghi si stanno già ampiamente materializzando(lui, almeno, si accontentava di ciò che aveva a disposizione, facendo “di necessità- VIRTÙ” ALLA GRANDE…). SALUTI

Articoli correlati

Lazio - Bologna, i voti e le pagelle dei biancocelesti a cura del direttore Giulio...
Lazio - Bayern Monaco, i voti e le pagelle dei biancocelesti a cura del direttore...
Cagliari - Lazio, i voti e le pagelle dei biancocelesti a cura del direttore Giulio...

Dal Network

È un Gian Piero Gasperini molto soddisfatto quello che analizza il successo scoppiettante della sua...

  E’ calato il sipario sulla sessione invernale di calciomercato. Dopo le 20:00 di ieri,...

  Zvonimir Boban, ex “Head of Football” presso l’UEFA, ha annunciato le sue dimissioni irrevocabili...

Solo La Lazio