Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Lazio Femminile

Lazio Women, Catini: “pulia Trani da non sottovalutare. Può essere una partita trappola”

Lazio Women, le parole di mister Catini ai microfoni di Lazio Style Radio alla vigilia del match contro l’Apulia-Trani.

Ecco le sue dichiarazioni: “La gara di domani rischia di essere una partita trappola perché guardando la classifica il risultato può apparire scontato. È un match da non sottovalutare perché l’Apulia Trani ha pagato un po’ lo scotto iniziale e ora sta trovando la quadratura. Ha zero punti in classifica, ma ha sempre perso di misura e questo significa che non molla mai. Per noi sarà un test importante, dovremo provare a sbloccare subito il risultato. Dobbiamo provare a sfruttare al meglio questa giornata perché il calendario propone due scontri importanti per provare a guadagnare qualche punto. È stato molto importante tornare al Centro Sportivo di Formello dove abbiamo trovare dei campi perfetti. Essere qui, in uno dei migliori centri sportivi d’Italia, è uno stimolo in più per le ragazze che qui respirano un’energia positiva da tramutare in campo. Le ragazze, complici i buoni risultati, avrebbero potuto lasciare spazio a un entusiasmo non positivo. Invece non lo hanno fatto e per questo ringrazio ancor di più questo gruppo che sto conoscendo piano piano. Retrocessione? Una ferita che pesa tanto personalmente, ma deve essere lo stimolo per ogni giorno. Siamo felici, ma per ora non abbiamo fatto nulla perché manca ancora tanta strada. Lo scorso anno tutte le ragazze hanno dato il massimo, ma quest’anno la squadra ha qualcosa in più anche a livello di esperienza. Squadra? Non mi aspettavo di trovare subito un gruppo coeso, il feedback che arriva dallo spogliatoio è positivo. Le ragazze dal momento in cui entrano al Centro Sportivo di Formello sono consapevoli di doversi comportare ventisette sorelle. Faremo di tutto per continuare ad alimentare questa energia positiva. Tutti possono sempre migliorarsi, credo che comunque il miglior pregio di Visentin sia l’umiltà e la voglia di crescere attraverso il lavoro. Nella crescita di un giovane ciò che fa la differenza è il valore della famiglia, le amicizie giuste e una società attenta come la Lazio che vigila sempre sui fronti anche extra campo. Oggi, è impossibile evitare l’uso dei social, l’ importante è usarli bene. Mi ritengo fortunato per lo staff che ho a disposizione, sono tutti professionisti competenti e preparati. Alcuni li ho ereditati dalla Società al momento del mio arrivo e devo dire che non mi aspettavo una sinergia simile. Parte del merito dei risultati che stiamo raccogliendo è anche loro che sono sempre a disposizione. Sono un valore aggiunto. Qui alla Lazio ho a disposizione uno staff completo e per questo ringrazio la Società. Abbiamo il match analyst, due preparatori, un collaboratore di campo e un altro messo a disposizione dal direttore Fabiani per le sedute di analitiche di tecnica delle singole giocatrici, due fisioterapisti e due dottori. È uno staff importante, la Società ha messo a disposizione della squadra uno staff completo. Qui alla Lazio siamo un’ isola felice rispetto ad altre squadre. Il movimento femminile sta crescendo molto, il vero punto di svolta per proseguire su questo cammino riguarda il continuo investimento da parte della Federazione e delle società”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Quella splendida maglia Umbro e quel numero 11 sulla schiena. Ricordi indelebili della mia adolescenza. Beppe per sempre nel mio cuore."

Immobile da record: superato Inzaghi in Europa

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da Lazio Femminile