Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rubriche

Diamo i Numeri, ecco tutti i dati sugli incroci tra Torino e Lazio

Diamo i Numeri, torna la rubrica curata da Daniele Caroleo. Sulla lente d’ingrandimento, tutto ciò che lega Torino e Lazio, che si sfideranno domani.

Se si parla di Torino-Lazio, in tempi recenti, salta subito alla mente la rocambolesca e pirotecnica sfida del 1 novembre 2020, quando i biancocelesti si imposero, in rimonta ed in extremis, per 4 a 3, in terra piemontese. La Lazio, quell’occasione, si portò in vantaggio, con Pereira, dopo appena 15 minuti di gioco, ma i granata, pochi istanti più tardi, riuscirono a ribaltare il tutto portandosi addirittura sul 2 a 1. All’inizio della seconda frazione di gioco è Milinkovic a riportare il risultato in parità, ma all’88’ ecco che il Torino torna nuovamente in vantaggio, mettendo una seria ipoteca sulla partita. Sembra finita, ma invece il rigore di Immobile, al 95’, ed il gol di Caicedo, 3 minuti più tardi, regalano la vittoria alla squadra capitolina.

Quella del 2020 è stata, di fatto, l’ultima vittoria della Lazio in trasferta contro la formazione granata, anche se, c’è da dire, che il Torino, complessivamente, non vince contro i biancocelesti dal 26 maggio 2019 (ultima giornata del campionato 2018/2019): da allora, i piemontesi hanno conseguito un filotto di 6 partite consecutive senza successi (3 vittorie capitoline ed altrettanti pareggi), cambiando, tra le altre cose, ben 5 allenatori. Inoltre il Torino ha vinto solo una (quella appena citata) delle ultime 8 sfide casalinghe contro la Lazio (4 pareggi e 3 vittorie biancocelesti): in questo intervallo temporale (dall’inizio del 2015 ad oggi) contro nessuna avversaria i granata contano meno vittorie interne nel massimo campionato tra quelle ospitate almeno 2 volte.

Tornando alla squadra biancoceleste, se consideriamo anche lo scorso campionato, la Lazio va in gol da 9 partite di Serie A consecutive e potrebbe raggiungere le 10 gare di seguito andando a segno nella competizione per la prima volta dal febbraio del 2021 (in quel caso furono 19, sotto la guida di Simone Inzaghi).

La formazione di Maurizio Sarri, inoltre, è la squadra che, secondo i dati forniti da OPTA, ha collezionato più recuperi offensivi in pressing nella prima giornata di questa Serie A (13 come l’Empoli, mentre il Torino è al 3° posto in questa speciale graduatoria, a quota 8), riuscendo poi a vincere, in rimonta, contro il Bologna, dopo essere andata in svantaggio: è la quinta volta che succede in Serie A nell’era Sarri e solo l’Inter, considerando anche la stagione 2021/2022, è riuscita a far di meglio (a quota 6).

Un Maurizio Sarri che, in carriera, ha già avuto modo di affrontare il Torino 14 volte, collezionando ben 8 successi, 5 pareggi (2 dei quali l’anno scorso, con la Lazio) ed una sola sconfitta (nel settembre del 2005, quando il tecnico toscano sedeva sulla panchina del Pescara).

Il capocannoniere di questa sfida è, guarda caso, Ciro Immobile (dietro di lui, Valentino Mazzola, con 7 marcature), che è anche un ex calciatore del Torino (27 reti in 47 presenze di Serie A tra il 2013 e il 2016), e che ha avuto modo di segnare, in questa partita (con entrambe le maglie) ben 10 reti (8 delle quali con la casacca biancoceleste), per altro entrando nel tabellino dei marcatori per ben 7 volte nelle ultime 7 sfide contro i granata in Serie A (alle quali andrebbe aggiunto anche un assist nel giugno del 2020).

Chiudiamo la nostra consueta rassegna numerica, con 2 ultimi numeri: 1430 e 24917. Il primo dato si riferisce ai biglietti staccati per il settore ospiti dello Stadio Olimpico Grande Torino per questa partita (esauriti, dunque, tutti quelli messi a disposizione della società granata); il secondo numero è quello definitivo degli abbonamenti sottoscritti dai tifosi della Lazio per questa stagione (considerando i biglietti omaggio e quelli a disposizione della società, la quota dei 25mila è stata dunque raggiunta): sotto la presidenza di Claudio Lotito, soltanto 3 volte la Lazio aveva raggiunto un numero di abbonati superiore (nel 2004, con 28.731 tessere sottoscritte, nel 2008, con 25.060 abbonati, e nel 2009, a quota 27.334), con un dato che risulta comunque essere il migliore degli ultimi 13 anni.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Immobile da record: Ciro a -1 dalla top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "È stato e sarà per sempre il più grande goleador del mondo e segna sempre lui, e segna sempre lui, si chiama Beppe Signori, si chiama Beppe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da Rubriche