Resta in contatto

Lazio Femminile

Lazio Women, Santoro: “Io colpita da persone poco leali, ma la Lazio è casa mia…”

Lazio Women, secondo posto in classifica e aria di promozione

Lazio Women, Martina Santoro fa chiarezza sulle vicende che l’hanno riguardata nella stagione appena conclusa.

Non si risparmia Martina Santoro, difensore e capitano della Lazio Women, che nel post pubblicato su Instagram ripercorre le tappe di una stagione difficile, a livello personale e di squadra.

Le biancocelesti sono retrocesse in Serie B e la giovane calciatrice ha vissuto un’annata altrettanto complicata individualmente, che l’ha vista addirittura relegata ai margini della rosa, nella prima parte, sotto la gestione Morace.
Parlando dell’inizio di stagione – la prima della Lazio Women in Serie A – Santoro dice: “È stata una partenza shock, tutte le aspettative che mi ero creata si sono infrante contro un muro fatto di persone poco leali, che hanno lavorato sotto traccia con l’intento di colpirmi dal punto di vista umano e di portarmi poi a scegliere di essere allontanata dal gruppo, pur di non scendere a compromessi”.

Poi il cambio di allenatore e il reintegro: “Le cose sono gradualmente migliorate dal punto di vista dei risultati, del lavoro e del clima. Ce l’ho messa tutta per tornare a essere ciò che sono sempre stata all’interno dello spogliatoio, nonostante io non abbia mai ricevuto l’attenzione che merita chi vive situazioni emotivamente particolari”. Parole forti quelle della numero 13, che nonostante tutto al biancoceleste è troppo legata, tanto che alla fine della lettera ribadisce: “La Lazio è casa mia, la mia vita, le mie gioie e i miei dispiaceri. […] La Lazio è il mio sogno da bambina che ogni giorno, quando varco le porte di Formello, si trasforma in realtà”.

In attesa di scoprire il suo futuro, Martina Santoro fa luce sulle vicende del recente passato. Perché “mettere un punto ci consente di ricominciare”, come cita lei stessa nella didascalia che accompagna la lettera pubblicata.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Fantastici ricordi di un signori eccezionale e letale per chiunque odiato dalla tifoseria romanista all'inverosimile. Quando Cragnotti senza preavviso..."

Immobile da record: Ciro stacca Quagliarella e punta la top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Unico solo intramontabile Ciro! Grazie di esistere"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Unico , indimenticabile , una bandiera , un trascinatore ... di una tale Lazialita' senza rivali.......Quel coraggio di affrontare una curva..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da Lazio Femminile