Resta in contatto

L'angolo dell'avversario

Roma, Mourinho: “Non potrei mai allenare la Lazio. Per fare la storia servono trofei e ora non li abbiamo”

José Mourinho in conferenza stampa ha risposto ad una domanda su possibili club rivali della Roma da allenare in futuro.

Nel corso della conferenza stampa di oggi a Trigoria, Mourinho ha risposto ad un cronista che chiedeva se dopo la Roma potrebbe andare ad allenare altri club rivali.

Lei sta segnando la storia della Roma. Ci sono club dove non potrebbe andare perché rivali?

La storia è fatta di trofei, io la vedo così. Si può fare un grande lavoro senza coppe e ci sono tanti allenatori che hanno fanno lavori fantastici senza aver vinto. Io dico che sto facendo un grande lavoro qui, ma per marcare la storia bisogna vincere trofei, che in questo momento non abbiamo. Siamo lontani da questo. È dura dire se potrei mai allenare altri club. Siamo professionisti ed è un rischio affermare certe cose, ma di sicuro ci sono alcuni club per i quali direi di no. E non per mancanza di rispetto, ma per il tipo di storia tra il club che hai allenato prima e quello che dovrei andare ad allenare dopo. Per esempio non potrei mai allenare la Lazio. Non è una mancanza di rispetto nei confronti di qualcuno, ho comunque un rapporto positivo, ma è il club rivale della stessa città. Sicuramente loro pensano lo stesso di me. Ci sono cose nell’aspetto professionale che bisogna considerare. Ma non si tratta mai di una mancanza di rispetto. Anche col Milan non ho mai avuto un problema. Magari una battuta qualche volta. Puoi portare sempre rispetto, ma ci sono dei club che non puoi allenare“.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Immobile da record: Ciro a -1 dalla top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "È stato e sarà per sempre il più grande goleador del mondo e segna sempre lui, e segna sempre lui, si chiama Beppe Signori, si chiama Beppe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da L'angolo dell'avversario