Resta in contatto

Rubriche

Lazio-Genoa, la sfida dei tanti ex. Immobile vede rosso… #DiamoINumeri

Lazio-Genoa domani all’Olimpico, #DiamoINumeri

A cura di Daniele Caroleo

Nell’anticipo di venerdì sera della 18esima giornata di Serie A, la Lazio ospiterà il Genoa allo Stadio Olimpico. La formazione biancoceleste guidata da Maurizio Sarri giunge a questo incontro dopo il ko subito in quel di Reggio Emilia, contro il Sassuolo, mentre la compagine rossoblù, guidata da Andriy Shevchenko, è reduce dal derby perso contro la Sampdoria e non ha ancora ottenuto una vittoria in campionato da quando l’ex attaccante ucraino si è seduto sullo scranno della panchina ligure (solo un pareggio, ad Udine, nelle ultime 5 giornate).

Da par suo, la Lazio, secondo le statistiche diramate come di consueto da OPTA, è rimasta imbattuta in 10 delle ultime 12 sfide di Serie A contro il Genoa (le uniche 2 sconfitte capitoline nel periodo sono arrivate nel febbraio del 2018 e nel febbraio del 2019) ed ha vinto 5 delle ultime 6 sfide interne contro il Genoa in campionato segnando, nelle 3 più recenti, esattamente 4 reti (da quanto esiste la Serie A la formazione biancoceleste ha segnato più di 3 gol in più sfide casalinghe consecutive contro una singola avversaria solo contro il Verona, tra il 1997 e il 2002, raggiungendo quota 4).

Sempre rimanendo in ambito prettamente realizzativo, poi, è interessante notare come nelle ultime 10 gare di campionato tra queste 2 compagini, sono stati segnati ben 42 gol, con una media di 4.2 reti a partita, ma è altresì necessario evidenziare che il 62% di queste marcature sono state realizzate dalla Lazio (26 gol contro i 16 dei rossoblù). Quella capitolina, per altro, è la squadra che ha segnato più reti in seguito a recuperi offensivi in questa Serie A, a quota 6 (ben 5 in più rispetto al Genoa).

I biancocelesti ed i rossoblù, per altro, hanno già avuto modo di sfidarsi in Serie A, in quel di Roma, altre 51 volte in passato, con i capitolini che hanno ottenuto 27 successi a fronte delle 8 vittorie liguri e dei 16 pareggi complessivi, e nell’ultimo confronto allo Stadio Olimpico, giocato lo scorso 2 maggio, la Lazio si è imposta con il risultato di 4 a 3, grazie alla doppietta di Correa e ai gol di Luis Alberto e del solito Ciro Immobile, (uno dei tanti ex di lusso di questa sfida, insieme a Danilo Cataldi, Goran Pandev, Federico Marchetti, Milan Badelj, Momo Fares, Valon Behrami e, soprattutto, Felipe Caicedo, che però sarà assente per infortunio). Il bomber di Torre Annunziata, tra le altre cose, risulta essere il giocatore che ha realizzato più gol al Genoa in Serie A nell’era dei 3 punti a vittoria (dal 1994/1995): 11. La squadra rossoblù, inoltre, potrebbe diventare la quarta avversaria contro cui l’attaccante della Lazio va a segno in almeno 5 presenze di fila nella competizione, dopo Fiorentina (5), Napoli (6) e Udinese (5).

Se sulla carta questa potrebbe comunque essere considerata una sfida piuttosto agevole per la squadra di Sarri, è necessario, però, fare attenzione anche a diversi dati statistici relativi alla squadra genoana (e non solo). La compagine ligure, infatti, ha ottenuto 7 dei suoi attuali 10 punti lontano dal Ferraris e l’unica vittoria di questo campionato è arrivata proprio in trasferta, in quel di Cagliari. È pur vero che la formazione rossoblù, al momento, risulta essere il quinto peggior attacco del torneo (con appena 18 reti segnate) e la terza peggior difesa (con 34 gol subiti), ma la Lazio, soprattutto dal punto di vista del reparto arretrato, non è molto distante da questo dato negativo, visto che ha subito solo 2 reti in meno rispetto al Genoa. Senza dimenticare che la squadra biancoceleste ha perso 3 delle ultime 5 gare di campionato, ed in questo parziale ha subito ben 13 reti (con una media di 2.6 gol incassati a partita). Inoltre Andriy Shevchenko risulta essere il 3° allenatore, nell’era dei 3 punti a vittoria, che non è riuscito a vincere dopo le prime 5 gare sulla panchina del Genoa in Serie A, dopo Giuseppe Marchioro nel 1995 e Luigi Delneri nel 2012: entrambi, però, hanno vinto proprio la sesta gara alla guida di questa squadra.

Infine, tra gli avversari, occhio a Mattia Destro, che ha già avuto modo di segnare ben 6 gol contro la Lazio in Serie A (solo contro Chievo e Cagliari ha fatto meglio, con 8 reti), anche se solo solo 2 di questi sono stati realizzati allo stadio Olimpico (nel maggio del 2012 con la maglia del Siena e nel maggio del 2019, con quella del Bologna).

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Immobile da record: Ciro a -1 dalla top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "È stato e sarà per sempre il più grande goleador del mondo e segna sempre lui, e segna sempre lui, si chiama Beppe Signori, si chiama Beppe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da Rubriche