Resta in contatto

Giulio Cardone

Bologna – Lazio, le Cardopagelle: Hysaj e Ramos fuori fase, Sergej stecca

Bologna – Lazio, i voti e le pagelle dei biancocelesti a cura del direttore Giulio Cardone

Reina 4

Ha colpe in tutti e tre i gol, il terzo poi è una papera. Calo di tensione dopo il super derby? Non me lo aspettavo, comunque.

Marusic 5+

Lascia solo Luiz Felipe contro Barrow, ma tra i difensori è quello meno fuori fase.

Luiz Felipe 4

Caro Luiz, fermare un avversario è più importante di provocare un rigore. Dovevi concedere meno spazio a Barrow, invece mi sembravi preoccupato dal tenere le braccia dietro la schiena. Pessima prova.

Acerbi 4

Il nostro Leone non ci sta a perdere così, senza giocare, e si fa tradire dal nervosismo: manda a quel paese Massa – forse a nome di tutti noi – e così salterà la sfida con l’Inter di Inzaghi. Da un leader ti aspetti che non perda mai la calma, da qui il votaccio. E poi è lui a tenere in gioco Barrow sul lancio da cui nascerà il primo gol.

Hysaj 4

Aveva già rischiato di farsi beffare sul secondo palo da Zaniolo, ma non ha imparato la lezione. Stavolta il diretto avversario segna e lui non riesce a farsi perdonare: gioca palla sempre all’indietro, senza provare mai l’uno contro uno.

Milinkovic 4,5

Chiaramente condizionato da un problema al flessore, Sergej stecca. Lentissimo e inconcludente. Ma capita, eh

Leiva 5

Regista senza idee, non impone il cambio di ritmo alla squadra.

Luis Alberto 5

Da un suo lancio d’esterno nasce l’unica occasione del primo tempo, ma è decisamente troppo poco. Appannato e facilmente arginato.

Felipe Anderson 6-

L’unica sufficienza (scarsa) di giornata, per me. Gioca solo il primo tempo, è vero, ma è lui a creare l’unica occasione, scherzando Medel e mettendo al centro un pallone interessante. Forse era da 5 anche lui, ma lo amo troppo.

Muriqi 5

Lui, Felipe, Pedro e Acerbi mi sembrano gli unici con la voglia giusta, però resta ancora a secco. Confermo che una torre come lui non c’entri nulla con la Lazio di Sarri. Esempio: Pavoletti, con il Napoli del Comandante, non giocava mai…

Pedro 5+

Stavolta le sue deliziose piroette non fanno la differenza. E spreca di sinistro la palla-gol che poteva riaprire la partita. Almeno ci prova, però.

Sarri 5

Dice che la Lazio è stata “scarica fin dall’inizio”. Ma su questo aspetto, l’allenatore ha le proprie responsabilità. L’alibi della partita dopo 61 ore regge fino a un certo punto: troppo brutta la prestazione della squadra, poche ore dopo la migliore prova dell’anno. Alti e bassi comprensibili, il Comandante deve lavorare affinché i bassi non siano così traumatici e avvilenti. Alla ripresa, la sfida con il predecessore Inzaghi: sono sicuro che preparerà bene la partita, anche se gli mancherà Acerbi. Forza Maurizio!

Lazzari 5-

Colpevole sul gol del 3-0. Intristito, deve tirarsi su. Da quando non è più titolare, sembra un cane bastonato e non va bene. Reagisci, Manuel! Non vorrei gli succedesse quanto accaduto l’anno scorso a Strakosha con Reina…uffa!

Basic 5,5

Contagiato dalla mediocrità generale.

Patric 6

Lui e Luiz Felipe contro Dzeko e Lautaro: speriamo bene, ragazzi. Anche se vi dico una cosa: con Patric al posto di Ramos, Barrow quel gol non lo avrebbe segnato.

Cataldi s.v

 

Akpa Akpro s.v

 

9 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
9 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Altro da Giulio Cardone