Resta in contatto

Euro 2020

Italia – Austria, i precedenti: la bilancia pende a favore degli azzurri

Italia – Austria – Quello di sabato sarà il trentottesimo incrocio tra le due Nazionali: l’ultima volta, tredici anni fa in amichevole.

Una sfida sulla carta scontata, ma che potrebbe nascondere non poche insidie. Mancano ormai due giorni a Italia-Austria, gara che vale l’accesso ai quarti di finale di Euro 2020. Per gli austriaci del ct italo-tedesco Franco Foda è il miglior risultato mai conseguito agli Europei: nelle precedenti due occasioni (2008 e 2016) la loro avventura terminò infatti ai gironi.

I PRECEDENTI. Italia e Austria si affronteranno per la trentottesima volta: bilancio positivo per gli azzurri, che possono vantare 17 vittorie e 8 pareggi. Sono invece 12 le sconfitte, mentre il computo delle reti vede gli austriaci prevalere con 56 reti fatte contro le 49 messe a segno dall’Italia.

IL PRIMO INCROCIO UFFICIALE. È datato 1912: l’occasione fu quella delle Olimpiadi di Svezia, e l’Italia subì una pesante sconfitta: 5-1 il finale.

L’ULTIMA SCONFITTA. Risale a più di 60 anni fa, esattamente al 23 marzo 1958, quando gli azzurri persero in un’amichevole a Vienna col risultato di 3-2.

L’ULTIMO SUCCESSO. L’ultima vittoria azzurra è invece del 1998, ai Mondiali di Francia: l’Italia di Cesare Maldini batté gli austriaci nella fase a gironi, grazie alle reti di Baggio e Vieri2-1 il risultato finale.

L’ULTIMA VOLTA. Sono passati tredici anni dall’ultima volta che italiani e austriaci si sono affrontati sul rettangolo verde: l’ultimo incrocio in assoluto è targato 2008, in una gara amichevole: 2-2 a Nizza. Per l’Italia, a segno Gilardino, poi un autogol di Ozcan.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Gli vorrò per sempre bene, il il mio idolo calcistico, il grande, l'insuperabile Beppe Gool, e segna sempre lui e segna sempre lui, si chiama Beppe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da Euro 2020