Resta in contatto

Euro 2020

Euro2020, Italia prima nel girone: il segreto è nel gruppo

Euro2020, gli azzurri vincono e convincono anche contro il Galles

Ieri pomeriggio è iniziata l’ultima giornata della fase a gironi di Euro2020, di scena c’era il Gruppo A. In campo due sfide: Svizzera-Turchia e Italia-Galles; le due squadre in casa hanno portato a casa i 3 punti ma con pesi diversi. Gli elvetici sono saliti a quota 4, raggiungendo il Galles, ma non sono andati oltre al terzo posto; gli azzurri invece chiudono a punteggio pieno.

Tre partite, tre vittorie, sette gol fatti e zero subiti, ma soprattutto 25 calciatori in campo. Il CT Mancini ha concesso almeno un minuto a tutti, tranne Meret, dando un fortissimo segnale sia ai propri calciatori che alle altre avversarie: sono tutti titolari. Il gruppo lo sa, ed è evidente. Contro il Galles sono stati cambiati 8 elementi rispetto alle gare precedenti: Donnarumma, Bonucci e Jorginho i “superstiti”, che però nella ripresa hanno lasciato il campo. Cambiano gli interpreti, ma non il risultato: gli azzurri vincono e convincono, scacciano le voci di un biscotto con una prestazione maiuscola.

Il segreto di questa squadra è sicuramente il gruppo, merito del CT Mancini che fin dall’inizio ha costruito uno scheletro ben preciso, al quale aggiungere tra amichevoli e altre competizioni elementi funzionali al progetto finale, tenendo d’occhio tutti e osservandone i progressi durante l’intera stagione. L’immagine della squadra unita fuori l’hotel che canta “Notti magiche” a squarciagola per ringraziare i tifosi presenti è fortissima e rende perfettamente l’idea della coesione presente.

Oggi si saprà chi sfideremo il prossimo 26 giugno negli ottavi di finale: verrà fuori dallo scontro diretto Ucraina-Austria delle 18; importante anche il risultato del Belgio, possibile avversaria nei quarti di finale.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Gli vorrò per sempre bene, il il mio idolo calcistico, il grande, l'insuperabile Beppe Gool, e segna sempre lui e segna sempre lui, si chiama Beppe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da Euro 2020