Resta in contatto

Approfondimenti

Reina veterano dei derby, all’esordio in Italia

Tra le facce nuove del derby domani dal primo minuto di sarà Reina, veterano di stracittadine, ma alla sua prima in Italia.

Se le indiscrezioni sulle probabili formazioni saranno confermate, domani Reina sarà l’unica faccia nuova in campo dal primo minuto per la Lazio nel derby della Capitale. Ma, pur da esordiente, sarà anche il veterano delle stracittadine. Il portiere spagnolo, infatti, in carriera ne ha già disputate 20. Venerdì sarà la ventunesima in assoluto. La prima in Italia.

Arrivato in estate proprio per portare personalità nello spogliatoio biancoceleste, domani avrà l’occasione di far valere le sue esperienze passate in match delicati come quelli tra squadre della stessa città, iniziate il 10 dicembre del 2000. Barcellona – Espanyol. Pepe, appena diciottenne, difendeva i pali dei blaugrana, che si imposero per 4-2 sui rivali. A distanza di pochi mesi, poi, gli intrecci del tabellone della Copa del Rey misero difronte altre due volte, andata e ritorno, le compagini del capoluogo catalano. Ancora una vittoria per il giovane portiere, in trasferta 1-2 e poi 1-1 al Bernabeu.

Prima di lasciare il club dove era cresciuto Reina, madrileno di nascita, ebbe anche l’occasione di giocare un clasico contro il Real, che terminò 2-2. L’anno successivo rimase per lo più in panchina a fare il secondo, dietro all’argentino Bonano e, a fine 2002, si trasferì al Villareal.

Nella piccola località della Comunità Valenciana i sottomarini gialli non hanno cugini. Così per giocare di nuovo un derby Reina ha aspettato tre anni. Con la maglia del Liverpool, il 28 dicembre del 2005, quando i Reds si imposero sull’Everton per 1-3. Vittoria, con lo stesso punteggio, replicata poi anche al ritorno ad Anfield.

La prima sconfitta in una stracittadina per lo spagnolo arriva l’anno dopo. Nel 2006-07 quando a Goodison Park fu costretto per tre volte  a raccogliere la palla nella propria porta. In totale in Inghilterra ha affrontato i Toffees per 17 volte, tra Premier e FA Cup. Nel 2013 l’addio al Merseyside coincide anche con l’ultimo derby disputato. Fino a domani.

La successiva avventura fu a Napoli. Poi un anno al Bayern, dove non ebbe modo di affrontare il Monaco 1870, così come all’Aston Villa non ha incontrato mai il Birmingham City FC. In entrambi i casi, infatti, si tratta di squadre delle rispettive “serie B”. In mezzo però ci sono stati due anni a Milano. Eppure, nemmeno lì ha avuto occasione di scendere in campo contro l’Inter, rimanendo sempre in panchina nei derby della Madonnina.

Pepe sa come si vince

Lo score di Reina nelle stracittadine disputate è schiacciante. 11 vittorie, 6 pareggi e solo 3 sconfitte. Va però detto che ha sempre avuto la fortuna di giocare dalla parte della squadra più blasonata. Cosa che, per altro, succederà anche qui nella Capitale. Almeno facendo riferimento ai titoli. Sui valori in campo, invece, è oggettivo che la sfida sarà tecnicamente più equilibrata rispetto alle precedenti. Probabilmente, anche più sentita.

Ma le spalle dell’estremo difensore trentottenne sono ormai abbastanza larghe per gestire queste pressioni. Il suo carisma sarà fondamentale per aiutare i compagni. E magari loro gli daranno una mano ad aggiornare in positivo le statistiche.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory: Immobile colpisce anche il Cagliari

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."

Altro da Approfondimenti