Resta in contatto

Rubriche

Rizzitelli ha ragione, è solo un’amichevole… Mica mi sta bene

Mica...mi sta bene

In vista dell’amichevole che la Roma giocherà venerdì sera, la rubrica diversamente diplomatica di oggi parla dei favoriti della stracittadina.

Di Micaela Monterosso

Derby: nel corrente utilizzo giornalistico e popolare, si definisce derby una partita di calcio giocata tra due squadre della stessa città. Il termine italiano corrispondente è partita stracittadina. Per estensione, il termine derby viene utilizzato per riferirsi ad un incontro molto sentito fra squadre che appartengono ad una comune entità geografica o che hanno accese rivalità agonistiche tra loro.

È lunedì, sono finalmente in zona gialla pure io, c’è il sole ed è una bellissima giornata. La Lazio ha vinto, la Fiorentina pure (mio marito è contento) e va tutto bene. Non fosse per quel piccolo impegnuccio fissato sul calendario per venerdì sera. Malgrado io stia cercando di tenermi impegnata, sui social sembra non si parli di altro (quasi vi preferivo quando usavate hashtag e improperi vari senza senso). Parliamone, per non pensarci, se non altro.

Non so voi ma per me è una partita come un’altra. Di quelle che non fa nemmeno rumore, tanto più quest’anno che non potranno nemmeno sfoggiare una delle loro meravigliose coreografie (possiamo chiedere a Sky di simulargliene una? È facile. Toppe gialle e rosse messe a caso, può farlo anche un bambino).

Tralasciando l’ilarità legata a questa partita, che è sempre piacevole, non si può negare l’evidenza: quest’anno, i favoriti sono loro. Per tanti motivi. Giocano meglio, sono più rodati, hanno una quadra che noi fatichiamo a trovare e poi hanno Kumbulla e Borja Mayoral (manca solo il pappappero, poi siamo al completo). Rizzitelli, poi, lo ha dichiarato apertamente: “Un’amichevole contro una piccola squadra…”. Posso avere l’ausilio di un esperto di calcio che mi spieghi esattamente chi è Rizzitelli? Ne ho conoscenza solo per i meme che girano su whatsapp. Non ho idea di chi sia, illuminatemi. Comunque, su una cosa, mi trova d’accordo: è un’amichevole. Dopo il 26 maggio, è solo un’amichevole. Loro lo sanno. Si prendono in giro da soli, sono fantastici.

La verità? Sì, sono i favoriti. Lo dice la classifica, non lo dico io. Ma il derby, si sa, è una partita che fa storia a parte: i favoriti non esistono. Conta il cuore. La Lazio ne ha da vendere e, se scende in campo come sa, il povero Rizzitelli avrà perso un’amichevole, io avrò preso 3 punti. La parte ansiosa di me, vorrebbe addormentarsi ora e svegliarsi direttamente sabato mattina, l’altra – quella pacata e tranquilla – ha già ordinato il vino e il Maalox.

Facendo un rapido excursus della partita di ieri (perché abbiamo vinto, ve lo siete scordato?) abbiamo scoperto che si può vincere senza soffrire, ma non è la stessa cosa. Santo Pepe da Madrid è candidato alla beatificazione in vita (è di questo che discutevano Lotito e Bergoglio), il gol di Caicedo è poesia, ancora una volta. Siamo sicuri di volerlo vendere? Io me lo terrei, tanto più perché dopo il suo gol ho visto Tare sorridere in tribuna. Tare. Sorridere. Deve essersi inceppato il software. Riparatelo, presto! Se ci si rompe il cyborg siamo finiti, altro che derby.

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
5 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 giorni fa

BASTA INDIFFERENZA, VERSO I MAESTRI, GRAZIE

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 giorni fa

Infatti dopo il 26 maggio e’ solo un amichevole

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 giorni fa

Anche perché la Storia dice che la asroma ha vinto e stravinto, in Italia ed all’estero, mentre la Lazio no. La stampa infatti ogni giorno celebra degnamente questo abisso sportivo (e non solo), i VIP ostentano la romanità (fatta opportunamente coincidere) con la scelta di tifare asroma in ogni circostanza, ancorché si stesse parlando di ricette di cucina o di astronomia. Il tifoso Laziale ne prenda atto: lo dice la Storia. Ovviamente, dal 30 maggio 1984 la Storia viene riscritta, reinterpretata, inventata, modificata a seconda delle necessità, di cosa c’è da coprire (in caso di evento nefasto) o da esaltare… Leggi il resto »

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 giorni fa

Grandeeeeee Micaela Monterosso ❤️

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 giorni fa

Miche’ ride bene chi ride ultimo a prescindere da venerdì! 🤨🤨

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Mito e Bandiera per Sempre!"
Immobile

#CountdownToHistory: col gol al derby, Immobile supera anche Rocchi nello score delle stracittadine

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Ricordo bene quei giorni e inoltre Pablito e' sempre stato umile, equilibrato, rispettoso. Una di quelle persone che rispetti profondamente anche se..."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da Rubriche