Resta in contatto

Giulio Cardone

Milan – Lazio, le Cardopagelle: mister, non ho capito i cambi. Muriqi innocuo

Milan – Lazio, le pagelle del direttore Giulio Cardone dopo il 3-2 di San Siro

Reina 6,5

Con quel miracolo nel finale su Rebic mi aveva fatto sperare almeno nel pareggio, invece i suoi difensori lo tradiscono sul corner letale. Titolarissimo, comunque.

Patric 5

Provoca il rigore, peraltro dubbio, con la solita scivolata imprudente in area. E Rebic gli scappa da tutte le parti. Meglio nella ripresa, soprattutto in costruzione, ma la serata resta negativa.

Luiz Felipe 6

Viene coinvolto nei pasticci di inizio partita, però in generale non mi è dispiaciuto come centrale: lo vedo in crescita, sia in fase prettamente difensiva che nelle uscite. Voto di incoraggiamento. Sia chiaro: in quel ruolo, Acerbi è insostituibile.

Radu 6

Da quella parte la Lazio non soffre granché, i pericoli arrivano tutti sulla fascia sinistra rossonera. Preciso negli appoggi, ha provato il tiro ma è andata male.

Lazzari 5

Cross sempre bassi o imprecisi: ripetiamo per l’ennesima volta che la velocità non basta. Sovrastato da Theo Hernandez, l’uomo-partita.

Milinkovic 6,5

Meraviglioso l’assist per Immobile, incomprensibile la sostituzione. Molte imprecisioni, un po’ lento, ma poteva colpire ancora con quella sua classe, con quei colpi.

Escalante 6,5

Oggi Inzaghi si è “divertito” a sostituire i migliori in campo. Nel primo tempo l’unica colpa dell’argentino, valido vice-Leiva, è di farsi ammonire, ma non è che tutti gli ammoniti debbano essere sostituiti per forza, soprattutto se sono in forma e hanno un ruolo decisivo in campo. Se invece ha avuto un problema fisico, allora il cambio si giustifica, altrimenti altra scelta incomprensibile. Mi ha assolutamente convinto nel ruolo di Leiva, anche se ha caratteristiche diverse rispetto a Mezzasquadra.

Luis Alberto 6,5

Era vicino a Theo Hernandez quando il rossonero ha colpito il pallone del 3-2, ma non credo toccasse a lui marcarlo. In gol per la seconda partita consecutiva, ero convinto che il Toque avrebbe offerto un’altra prova convincente e così è stato. Però doveva sfruttare meglio qualche ripartenza nella ripresa.

Marusic 5

Sulla sua gara pesa come un macigno l’errore in marcatura su Rebic, libero di colpire di testa per l’1-0: a che pensavi, Adam? Cerca di rifarsi subito (il sinistro finisce a lato), poi è sempre costruttivo in avanti. In difesa, troppo spesso è lui a tenere in gioco gli attaccanti del Milan.

Correa 6,5

Una bella progressione con palla-gol, poi guadagna il rigore: peccato il risentimento al polpaccio, non ci voleva proprio.

Immobile 7,5

Voto alto anche nella serata in cui sbaglia un rigore, perché ha comunque segnato un gol che in quel momento era importantissimo, il 2-2, con un colpo al volo perfetto. È la tredicesima rete nelle sue ultime 13 presenze, sono 47 nelle ultime 52, e magari avrebbe segnato ancora se non fosse stato misteriosamente sostituito. Chiude il 2020 con 34 gol in biancoceleste, in tutto sono 139. Semplicemente impressionante.

Muriqi 4,5

Un colpo di tacco volante l’unica cosa salvabile della sua partita: Donnarumma para d’istinto. Per il resto, spreca goffamente un’occasione, non lavora per Immobile come avrebbe fatto Caicedo e alla fine su quel maledetto corner non arriva sul pallone che ci ha rovinato il Natale e le feste. Fuori dagli schemi, speriamo nel 2021 si dimostri un altro giocatore.

Cataldi 4,5

Gestisce malissimo due palloni decisivi nel finale: al 90’ ha sul piede una punizione interessante e la consegna alla difesa rossonera, poi si fa intercettare un passaggio facile che consente al Milan di ripartire. Forse voto troppo severo, ma quei palloni erano troppo importanti per portare a casa almeno un punto. Involuzione che mi preoccupa, da Lazio-Udinese in poi.

Akpa Akpro 5,5

Si sfianca a rincorrere Hernandez, anche lui: subito ammonito, non incide.

Pereira 6,5

Mezzo voto in più per un dribbling favoloso in una zolla occupata da 4 piedi rossoneri: una giocata speciale, davvero. Doveva entrare lui al posto di Correa, al Meazza avrebbe dato spettacolo, ne sono convinto: Inzaghi doveva osare, sarebbe stata una mossa spiazzante per il Milan. E magari avrebbe aiutato la Lazio a ritrovare l’imprevedibilità perduta.

Hoedt s.v

 

Inzaghi 4

Forse il voto peggiore che abbia mai messo al mister. Ma stasera davvero almeno tre errori gravi: la sostituzione di Escalante, Immobile e Milinkovic (gli ultimi due avevano appena confezionato il gol del 2-2…), poi secondo me la mancanza di coraggio nell’inserire Pereira invece di Muriqi al posto di Correa. Suppongo che Caicedo non fosse in grado di giocare, altrimenti gli errori gravi diventano quattro. Chiude male, Simone, un anno indimenticabile per lui e la sua Lazio. Perfetto fino alla partita con l’Udinese (Parolo-Cataldi invece di Akpa-Leiva…), da quella partita in poi tante mosse discutibili: non credo abbia inciso la questione rinnovo, ma certo nel 2021 vogliamo rivedere il mister che ci ha fatto sognare per quasi tutto l’anno. Auguri!

11 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
11 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Umberto
Umberto
2 mesi fa

Ciao Giulio,per favore ti puoi informare ,se Tare è Lotito hanno conservato lo scontrino dell’acquisto di Muriqui?
Buone feste

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Se a Cataldi si dà il 4,5 a Muriqi va dato un 3. 3 anche al mister.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Abbastanza d’accordo ma mi permetto una presuntuosa postilla: Pereira non doveva entrare al posto di Correa, doveva GIOCARE dall’inizio al posto di Correa.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Inzaghi disastroso!!!!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Mister non rinnovare se non aquistano i difensori e attaccanti adeguati alle aspettative.

Ruggero
Ruggero
2 mesi fa

A prescindere che i giocatori forti non si tolgono Mai, usciti Immobile e Milinkovic abbiamo consegnato la partita al Milan ma signor Cardone voglio essere più profondo ed andare al nocciolo della situazione, oggi è facile dare la colpa a Inzaghi per questa partita, io non sono un fenomeno da tastiera, non sono sui social scrivo solo da lei. Inzaghi è stanco di sopportare Lotito e Tare, non c’è la fa più, loro invece di aiutare la squadra la mettono sempre in difficoltà, iniziando dalle trattative lunghe e snervante, i giocatori non fanno quasi mai la preparazione e arrivano sempre… Leggi il resto »

Maurizio Ciferri
Maurizio Ciferri
2 mesi fa

mancano tre difensori veri, un centrocampista e un portiere. erano 60 anni che non prendevamo tanti gol con la difesa sempre tra le peggiori del campionato

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Non aver inserito Pereira al posto di Correa è una cosa che non riesco a capire…Muriqui imbarazzante,mille volte meglio Caicedo

ANTONIO
ANTONIO
2 mesi fa

Simone ha sbagliato ma mai come chi lo paga. Odio l’arroganza e odio chi la pratica. Panta Rei tutto scorre prima o poi tutto passa anche questa gestione.

mauro scacco
mauro scacco
2 mesi fa

Marusic tra i migliori in campo in grande crescita, Inzaghi continua a perseverare nell’errore di non far giocare Pereira e Caicedo, il sospetto è che la società imponga queste scelte autolesionistiche perché non vuole pagare il prezzo di Pereira e perché vuole vendere Caicedo a Gennaio, tutti ridicoli anche Inzaghi che si presta a questi aut aut

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Sti cambi poi a 10 minuti dalla fine ma!!! e Caisedo poi in panchina Inzaghi me lo deve spiegare

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory: Immobile colpisce anche il Cagliari

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."

Altro da Giulio Cardone