Resta in contatto

Rubriche

Lazio, ‘Mica mi sta bene’: parlano del ‘tuffo’ di Sergej, ma voglio rivedere il ‘mani’ di Witsel…

Mica...mi sta bene

Lazio, nessuno ha ancora visto un fotogramma dell’episodio all’ultimo secondo di gara in area del Dortmund…

Di Micaela Monterosso

Tutto in 90 minuti. Ancora una volta. Il destino della Lazio in Champions League è legato all’ultima partita del girone. Contro il Bruge, o Bruges, o Club Brugge o come si chiamano loro, ci siamo capiti. Quelli. In pieno stile Lazio, chi sperava di liberarsi dall’ansia con un turno di anticipo, è costretto a un’altra interminabile settimana di insonnia, sudarella e ricerca spasmodica di ogni tipo di distrazione possibile.

Imbattuti nel girone, con prestazioni al limite del miracolo (al netto delle defezioni contro Zenit e Bruges), ancora inspiegabilmente non qualificati. Ha un che di fantascientifico questa strana congiunzione secondo cui – come ha detto lo stesso Inzaghi – in una condizione normale, saremmo già qualificati con una mano in tasca e la pipa in bocca. Basti pensare all’Inter, che non ha imbroccato una partita, eppure rischia di passare il turno. Il 2020 (che per fortuna sta volgendo al termine) è anche questo.

Sulla gara di ieri c’è poco da dire, se non che l’arbitro aveva dimenticato il fischietto nello spogliatoio e la sala var aveva degli evidenti problemi di collegamento. Per la seconda volta, i ragazzi di Inzaghi hanno annichilito il Borussia Dortmund, lo squadrone da battere del girone. Non solo all’Olimpico, ma addirittura in Germania, concedendo veramente pochissimo ai padroni di casa e costringendoli, sul finale, ad arrancare tra crampi e attacchi cardiaci molto fantozziani.
Eppure non è bastato, ancora no. Ci giochiamo tutto martedì, a casa nostra, contro il Bruges. Un punto. Basta un punto. Ma solo io non riesco ad essere tranquilla?

Il rigore su Milinkovic? Generoso, forse. La versione Tania Milinkovic-Cagnotto Savic mi è piaciuta, se non altro perché è andato a compensare il gol irregolare dei giallo-neri (come le api, che carini) allo scadere del primo tempo. Per dirlo Adani che il gol era da annullare, è tutto dire; non è colpa dell’arbitro, però. In questo caso, il guardalinee avrebbe dovuto notare che Reus (in netto fuorigioco) ha di fatto ostacolato Patric e, quindi, non solo non si è disinteressato del pallone ma ha anche partecipato attivamente all’azione del gol. Ma vabbè, è più interessante (per molti) sindacare sul rigore dato alla Lazio. Ma io mi chiedo… è possibile rivedere il fallo di mano di Witsel? Ultima azione della partita (anche se, di fatto, c’erano ancora due minuti ma a Dortmund il tempo scorre più veloce), chiara – nitida – occasione da gol per Ciro Immobile – ancora lui, quello scarso, ricordate? – bloccata da un presunto fallo di mano di Witsel che nessuno (neppure il Var, ma c’era?) è andato a rivedere. Nemmeno Sky, in realtà. Abbiamo solo un fotogramma, giudicate voi…

Altra menzione speciale della serata per i tifosi di Essi (e del Torino, del Milan, della Juventus) che ieri sera si sono sbizzarriti su twitter dopo il fischio finale, addirittura andando a commentare – in un tedesco maccheronico – i tweet del BVB: mo, io capisco che Don Matteo è finito e c’è rimasto solo ‘Chi l’ha visto?’, però – se fossi in voi – mi guarderei bene dall’affermare che la Lazio è mafia, che rubbbbba le partite e che il rigore non c’era. Nel caso di Essi – soprattutto – mi occuperei del buco finanziario che coincide con il centro della terra e della necessità di dover – in sede di mercato – vendere anche i seggiolini dello stadio di Tor di Val… ah, no. Vabbè, nel caso, quando riapre il Sistina?

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory: Immobile colpisce anche il Cagliari

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."

Altro da Rubriche