Resta in contatto

News

Bruges – Lazio, Inzaghi: “Orgoglioso di questi ragazzi per quello che mi danno”

Al termine della gara Inzaghi ha parlato ai microfoni di Lazio Style Radio.

Una situazione del genere non mi è mai capitata, neanche da calciatore. Siamo venuti a Bruges con dodici giocatori di movimento più Reina. I ragazzi hanno fatto una prestazione importante, con tante difficoltà che ci hanno colpito in questi giorni. Il Bruges è una buona squadra, ma sono fiducioso per il ritorno avendo a disposizione tutta la rosa. Patric? E’ uscito per infortunio, così come Caicedo. Le sfide contro lo Zenit saranno decisive per il girone, ma adesso pensiamo a recuperare i ragazzi rimasti a Roma. Parolo? Marco è un giocatore di esperienza può ricoprire più ruoli. Oggi ci ha dato una grande mano“.

Successivamente il mister biancoceleste si è fermato a parlare anche ai microfoni di Sky Sport.

Bravi i ragazzi, hanno fatto una partita di carattere nonostante le tante difficoltà e i pochi giocatori. Potevamo fare bottino pieno con le occasioni nel finale di Milinkovic e Pereira. Rigore? Una disattenzione che abbiamo pagato caro. Venivano da una vittoria sullo Zenit, noi da una situazione confusa, buon pareggio alla fine. Qualificazione? Questo risultato può pesare perché eravamo entrambi a 3 punti, al ritorno avremo più elementi e possiamo dire la nostra“.

Dopo le interviste in zona mista, Inzaghi si è poi presentato in sala conferenze per rispondere ai cronisti.

È stata una partita complicata, bravi i ragazzi a portare a casa un punto. Avevamo tante assenze, con Patric e Fares non al meglio.

Parolo ha cambiato tre ruoli in 90′, bravi tutti perché con un po’ di fortuna si poteva anche vincere. Il palleggio dal basso ci ha aiutato, permettendoci di cambiare velocemente il gioco.

Dopo il loro gol siamo stati più lenti e meno lucidi. Dobbiamo cercare di migliorare ancora sotto questo aspetto. Adesso avremo la doppia sfida contro lo Zenit, dal quale dipenderà il nostro cammino europeo. Non sarà semplice, l’affronteremo al meglio sperando di recuperare qualcuno“.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Ruggero
Ruggero
1 mese fa

Grazie Mr.
Non mollare mai

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "In eterno per noi laziali lui e' e rimarrà per sempre lui il simbolo della nostra amata lazio!!!"
Immobile

#CountdownToHistory: Immobile stacca Signori in Serie A

Ultimo commento: "Prendere Piola la vedo dura ... "

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il suo dito che esce fuori dalla nebbia al derby. Non si vedeva nulla ma la palla era dentro la rete! E segna sempre lui!"
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Fascetti una persona indimenticabile, grazie"

Altro da News