Resta in contatto

Oltre la Lazio

San Siro può essere abbattuto. Lo dice la sovrintendenza ai beni culturali

L’ufficio di sovrintendenza ai beni culturali non ritiene che sussista alcun vincolo all’abbattimento dello stadio di San Siro.

Non solo a Roma. La questione stadio tiene banco anche a Milano. Inter e Milan stanno pensando da tempo di edificare una nuova casa, ma che farne del vecchio impianto di San Siro? Niente. Si può buttare giù. Lo dice anche l’ufficio di sovrintendenza ai beni culturali.

Non presenta interesse culturale e come tale è escluso dalle disposizioni di tutela“. Questa la risposta ricevuta dal Comune del capoluogo lombardo ad una richiesta inoltrata a novembre scorso. “Le persistenze dello stadio originario del 1925-’26 e dell’ampliamento del 1937-’39 – si legge ancora nel documento – risultano del tutto residuali rispetto ai successivi interventi di adeguamento e ampliamento, realizzati nella seconda metà del Novecento e pertanto non sottoposti alle disposizioni, perché non risalenti ad oltre settanta anni“.

E inoltre “le stratificazioni, gli adeguamenti e ampliamenti fanno dello stadio un’opera connotata dagli interventi del 1953-’55, oltre a quelli del 1989-’90, nonché dalle opere successive al 2000, ovvero un’architettura soggetta a una continua trasformazione in base alle esigenze legate alla pubblica fruizione e sicurezza e ai diversi adeguamenti normativi propri della destinazione ad arena calcistica e di pubblico spettacolo“.

Sentenza forse eccessivamente lapidaria sulla Scala del Calcio, secondo l’opinione di molti cronisti e personaggi dello sport, che quello stadio lo hanno vissuto più e più volte. In ogni caso, non è una vera e propria condanna a morte. Nel progetto delle società meneghine non c’è l’effettiva intenzione di distruggerlo. Si tratterebbe solo di una rifunzionalizzazione. Stando alle ultime carte depositate a gennaio a Palazzo Marino, il Meazza diventerebbe il fulcro di una sorta di distretto dello sport, aperto a tutti e gratuito, per la pratica di attività amatoriali.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Io ho vissuto l era VINCENZO PAPARELLI ERO LI E NON SONO PIU ANDATO ALLO STADIO MA POI L ARRIVO DI BEPPE SIGNORI MI HA FATTO IMPAZZIRE E MI SONO..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da Oltre la Lazio