Resta in contatto

Approfondimenti

Calcio & Coronavirus, l’ora del cuore: le raccolte fondi dei club di Serie A

Il mondo del pallone si è mobilitato per combattere il nemico invisibile aiutando medici, infermieri, ospedali, ricercatori e inventando iniziative di solidarietà.

di Antonello Ferroni

Nel momento drammatico che sta attraversando il nostro paese ognuno deve fare la sua parte. Lo ha capito anche il mondo del calcio, che da giorni si è attivato in innumerevoli componenti e in mille diversi rivoli per attivare donazioni e raccolte fondi in favore di ospedali, infermieri e medici che sono in prima linea, ma anche inventandosi iniziative di solidarietà e vicinanza. Il nostro viaggio inizia dai club della Serie A.

Juve in testa

La Juventus è stato il primo club colpito dal coronavirus con la positività di Daniele Rugani. Il club bianconero ha reagito aderendo attraverso i suoi dirigenti e giocatori alla campagna di donazione promossa dalla regione Piemonte, “Regione Piemonte-Sostegno emergenza Coronavirus”. Si può donare direttamente dai link pubblicati dai profili social del club, al momento sono stati raccolti circa 400.000 euro.

Dea generosa

Nella città dove la crisi è più drammatica, l’Atalanta si è schierata con Cesvi nella campagna per l’Ospedale di Bergamo: il tecnico Gian Piero Gasperini è il testimonial della campagna “Vicini davvero”, Josip Ilicic ha donato il pallone del poker rifilato al Valencia al Giovanni XXIII di Bergamo.

Buon Diavolo

Tramite Fondazione Milan, il club rossonero ha lanciato una raccolta fondi (già ottenuti 267.000 euro) a sostegno dell’Azienda Regionale Emergenza Urgenza con i volti dei giocatori di riferimento della squadra maschile e femminile, con in testa Donnarumma, Romagnoli e Giacinti. E dopo la donazione di 250mila euro a favore di Areu, calciatori e dirigenti del Milan sono scesi in campo al fianco dell’Azienda Regionale Emergenza Urgenza, devolvendo un giorno del proprio stipendio.

Crowdfunding Inter

La società nerazzurra ha lanciato un crowdfunding dedicato all’ospedale Sacco di Milano, utilizzando come testimonial il tecnico Antonio Conte, non prima di avere donato 100.000 euro al Dipartimento di Scienze Biomediche e Cliniche del Sacco di Milano e 300.000 mascherine ad uso medico e altri prodotti sanitari al Dipartimento Nazionale della Protezione Civile.

Magica raccolta

La Roma ha fatto altrettanto, indirizzando le mascherine all’Ospedale Spallanzani, in favore del quale ha organizzato una raccolta fondi su GoFundMe dove il presidente Pallotta ha versato 50.000 euro e altri 50.000 sono arrivati dalla Fondazione Roma Cares. Al momento sono stati raccolti 183 mila euro: Edin Dzeko è il più attivo ma sono tanti gli ex romanisti ad aver partecipato alla campagna, da Cafu a Vincent Candela passando per Radja Nainggolan, David Pizarro e Vincenzo Montella.

Parma pro Maggiore

Il Parma si è mosso per l’equipe sanitaria dell’Ospedale Maggiore: nella richiesta del rimborso del rateo del proprio abbonamento per quanto riguarda la gara giocata a porte chiuse con la Spal “ciascun abbonato ha la possibilità di scegliere di affiancare la società crociata e dare un aiuto fondamentale a chi sta lottando per tutti noi”. Il club ha annunciato che garantirà una donazione minima di 100mila euro.

Viola d’amore

Il patron della Fiorentina Rocco commisso ha donato 500.000 euro per due ospedali ed ha lanciato attraverso il club viola una raccolta fondi che è già arrivata sui 100.000 euro.

Sensibilizzazione federale

Dal canto suo la Federazione Italiana Giuoco Calcio ha lanciato la campagna “Le regole del gioco” nel tentativo di sensibilizzare i cittadini sui comportamenti da tenere in un momento di così grande difficoltà. Si parte dalle 11 regole da seguire, con testimonial d’eccezione: da Roberto Mancini e Milena Bertolini, c.t. della Nazionale maschile e femminile, fino alle stelle delle due selezioni. Gianluigi Donnarumma, Leonardo Bonucci, Jorginho, Nicolò Zaniolo, Federico Chiesa e Ciro Immobile da una parte, Alia Guagni, Manuela Giugliano e Cristiana Girelli dall’altra, con i capitani Giorgio Chiellini e Sara Gama a cui sarà affidata la chiusura della campagna.

AIC salute

Anche l’Assocalciatori di Damiano Tommasi, attraverso Aic Onlus, ha deciso di aprire una sottoscrizione promossa da giocatori e giocatrici per raccogliere, con la massima urgenza, fondi per le strutture del Servizio Sanitario Nazionale.

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami
Advertisement
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Un mito che purtroppo ho vissuto troppo poco,avevo appena 9 anni,allo stadio non mi portava nessuno,anche se le partite si vedevano poco bene e i..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "grazie a Signori sono tifosa della Lazio... non vederlo mai alzare una coppa e festeggiare lo scudetto mi ha sempre lasciato un rammarico.... ..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti