Resta in contatto

News

Edoardo Pesce nei panni di Alberto Sordi: “Scudetto? Meglio la Lazio della Juventus”

Edoardo Pesce è riuscito a portare sul grande schermo con “Dogman” la storia di Alberto Sordi. L’attore ha parlato ai microfoni di Radio incontro Olympia.

Edoardo Pesce, l’attore che ha interpretato nel film,premiato con il David di Donatello, “Dogman” la storia di Alberto Sordi.

Intervenuto ai microfoni di Radio incontro Olympia ha parlato della sua interpretazione nel film ma anche di calcio dicendo la sua su ci preferirebbe vedere vincere lo scudetto: “La mia non è stata un’imitazione ho provato a fare mio il personaggio. Un pochino l’ho messo, di parlata e di ritmo di Sordi, ho cercato di allontanarmi dall’imitazione. Ho cercato di allontanarmi, è stato un gioco di equilibri. Spero che piaccia alla gente, è questo l’importante. Il nostro è stato un omaggio. Veramente io vengo da una famiglia di laziali, mio nonno tifava Lazio. E la prima partita che ho visto allo stadio è stata proprio Lazio-Lecce. Sono diventato romanista perché mio padre lo era, e soprattutto perché quando giocavo in strada cercavo di imitare Voller e gli altri calciatori della Roma. Poi mi stava antipatico il vicino di casa, che era laziale, anche quello ha influito. Però se mi chiedi di scegliere tra Lazio e Juve, meglio che lo scudetto lo vinca la squadra di Inzaghi, sono contento per quello che sta facendo”.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il suo dito che esce fuori dalla nebbia al derby. Non si vedeva nulla ma la palla era dentro la rete! E segna sempre lui!"
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Fascetti una persona indimenticabile, grazie"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da News