Resta in contatto

Approfondimenti

Szczsesny – Strakosha – Handanovic, portieri delle prime a confronto

Il Corriere di Roma: "Strakosha nella Top 10 dei portieri"

Le prime tre in classifica della Serie A sono lì anche grazie agli ottimi numeri dei loro portieri. Quanto hanno inciso fino a questo momento?

I campionati si vincono in difesa. Tra i pochi luoghi comuni del calcio con un più che concreto fondo di verità: è dal 2007/08 che scudetto e porta meno battuta sono della stessa squadra. E le grandi difese non possono prescindere dall’avere grandi portieri. Come testimoniano i numeri delle prime tre in classifica in serie A fino a oggi.

La lotta per il titolo, sperando che si riesca a portare a termine il campionato, vede Juve e Inter con 24 gol subiti e la Lazio con 23. 9 volte la rete della squadra di Inzaghi è rimasta inviolata. 8 e 7, invece, i clean sheets rispettivamente per bianconeri e nerazzurri (quest’ultimi però hanno anche una partita in meno). I biancocelesti sono anche gli unici ad aver giocato sempre con lo stesso uomo tra i pali. Szczesny e Handanovic hanno rispettivamente 19 e 22 presenze. Strakosha 26 su 26. Il che avvalora ancor di più l’apporto dato dall’albanese ai successi delle aquile.

I dati descrivono retroguardie granitiche, rese tali anche grazie all’ottimo supporto degli estremi difensori. Ma non tutti hanno lavorato allo stesso modo. Il laziale ha, secondo i dati opta, il 78,1% di efficacia negli interventi. La più alta della serie A, tra quelli con almeno 20 presenze. Cioè, quasi 8 volte su 10 un tiro indirizzato verso lo specchio è stato poi bloccato o deviato dai suoi guantoni. L’interista ha il 75% (3 su 4). Lo juventino, che di partite ne ha giocate 7 in meno, incassando solo 17 reti sul totale di squadra, ha una percentuale del 79,8%. Ciò significa, in proporzione all’impiego, che è stato molto più sollecitato. Tutti e tre, inoltre, hanno parato un rigore in stagione.

Difficile, in ogni caso, dire con certezza quanti punti totali in più abbiano portato i tre alle rispettive squadre. Qualche piccolo errore lo hanno commesso tutti. E poi, salvataggi miracolosi a parte, non è facile stabilire i parametri di “decisività”. Soprattutto perché non è solo con le parate che i portieri incidono sull’andamento della partita.

Nel calcio moderno, piaccia o no, anche loro devono comunque saper usare bene i piedi. In particolare se la manovra viene costruita spesso dal basso. Come nell’inzaghiano 3-5-2. Strakosha da inizio stagione ha compiuto 753 passaggi. Oltre duecento in più di Handanovic, nonostante Conte giochi con lo stesso modulo. Solo 393 quelli di Szczsesny, che però ha una precisione maggiore. 324 sono infatti quelli effettivamente riusciti. Compresi i lanci lunghi, dove più di 1 su 2 arriva a destinazione. In termini percentuali lo sloveno si avvicina molto al polacco, mentre l’albanese è più staccato. 49,4% l’accuratezza dei rinvii, con il 76,2% complessivo di passaggi completati. Ma è giusto sottolineare ancora una volta la differenza di minutaggio per ponderare il giudizio.

Non a caso, nonostante quest’ultimo dato, il laziale vanta, con 6,31, la media voto più alta del campionato italiano. 6,27 l’interista. 6,24 lo juventino. Informazione utile, magari, più per il fantacalcio, che per altro. Eppure indicativa di come, agli occhi di chi è chiamato a valutare, non sia affatto sfuggito l’eccellente rendimento stagionale del 25enne biancoceleste. Nel complesso, da questo rapido confronto, è proprio lui ad uscirne vincitore. Non male per la Lazio avere in squadra sia il miglior bomber, che il miglior portiere…

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

SE STRAKOSCHA SI PERFEZIONA SULLE USCITE E IL MIGLIORE. È GIOVANE E AVRÀ MODO DI CRESCERE.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

Tra i pali strakosha é uno dei migliori

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Mito e Bandiera per Sempre!"
Immobile

#CountdownToHistory: col gol al derby, Immobile supera anche Rocchi nello score delle stracittadine

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da Approfondimenti