Resta in contatto

Esclusive

Lazio, forza Tucu: c’è un motivo speciale per cui ha voluto battere il rigore

Correa, più mira sotto porta: il dato del Corriere dello Sport

Il rigore sbagliato da Joaquin Correa in Bologna – Lazio ha attirato molte critiche nei suoi confronti. Ma lui aveva una ragione particolare per calciarlo – di Giulio Cardone e Stefano Fiori

Si è incaricato di calciare quel rigore, avrebbe voluto regalare i tre punti alla Lazio. E tornare a segnare, mettere fine a un digiuno di oltre 40 giorni. Ma Joaquin Correa dovrà rimandare questo desiderio, il pallone stampato sulla traversa del Dall’Ara ha ricacciato in gola l’urlo di gioia suo e di tutti i tifosi biancocelesti.

In molti si sono interrogati sul perché si sia presentato proprio lui dal dischetto, l’unico penalty battuto in carriera risaliva al 2017 e non era stato un successo. Nel post partita di Bologna, Simone Inzaghi ha spiegato: “I rigori li sbaglia chi li calcia. Dopo Immobile, i rigoristi sono Luis Alberto, lui e Jony. Il Tucu voleva questa responsabilità, è stato giusto farglielo tirare”.

Anche l’amico Ciro Immobile ha chiesto di non criticare l’errore del compagno di squadra: “Non gettiamogli la croce addosso”.

Quel gol da dedicare alla nonna

Correa aveva una voglia matta di segnare, di poter esultare. Soprattutto in un periodo molto delicato per lui: gli errori davanti alla porta, il problema muscolare in Lazio – Genoa. Nulla però in confronto a un dolore che l’ha colpito da vicinissimo: la scomparsa della nonna amatissima, lo scorso 26 settembre.

Il Tucu avrebbe voluto dedicarle la rete: ci ha provato contro il Genoa, ma il fastidio all’adduttore si è rivelato un ostacolo poco compassionevole. Col Rennes è rimasto a riposo, la sfida con il Bologna si presentava come l’occasione giusta. Ecco perché – è il retroscena raccolto da noi di Sololalazio.it – ha chiesto e ottenuto di incaricarsi del rigore.

Di fronte a motivazioni del genere, è stato impossibile – per un altro suo amico vero come Luis Alberto – far valere qualsiasi tipo di gerarchia. È andata male, Joaquin ha centrato la traversa. Ma la caccia al gol continuerà e il numero 11 tornerà a far gioire i tifosi biancocelesti. Con le braccia verso il cielo, a salutare la nonna.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Ahora sos una estrella en el cielo ? No me cuesta nada imaginarte, Cierro los ojos y puedo mirarte ? Descansa en paz mi viejita ?❤️ Te amo

Un post condiviso da Joaquin Correa (@tucucorrea) in data:

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 mesi fa

Il prossimo magari quando siamo in vantaggio! ?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 mesi fa

Un motivo in più per non batterlo lui che già è di suo poco freddo sotto porta..infatti non ce l’ho con lui ma con inzaghi che doveva designare luis e con lui che non ha avuto le palle di levare il pallone a correa

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Non sarebbe durato un solo giorno con questa Società. Lui,uomo onesto e vero."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da Esclusive