Resta in contatto

Approfondimenti

Bologna – Lazio, Cardopagelle: Immobile implacabile. Luis, dovevi importi!

Lazio, Luis Alberto

Il 2-2 di Bologna – Lazio lascia molto rammarico per una vittoria che i biancocelesti hanno solo accarezzato: i voti della sfida del Dall’Ara

Ecco i miei voti per Bologna – Lazio.

Strakosha 6

Una paratissima delle sue, su Sansone, consente alla Lazio di restare viva (il risultato era di 2-1). Però non si notano progressi nell’aggredire il campo quando si tratta di uscire. E non bene la gestione del pallone nell’azione che poi ha permesso a Palacio di segnare il 2-1. Ma quel miracolo conta più di tutto, vale un punto.

Luiz Felipe 4.5

La peggiore partita stagionale. Dorme sul cross dell’1-0 e si fa beffare da Krejci, sbaglia il passaggio che poi costringe Leiva al fallo della prima ammonizione, mai sereno, sempre in affanno. Che è successo, Luiz?

Bastos 6.5

Mezzo voto in più perché, lo ripeto per l’ennesima volta, merita il posto di titolare. Entra al posto di Luiz Felipe e fa capire che doveva giocare dall’inizio.

Acerbi 6.5

Anche per lui mezzo voto in più, perché va a prendersi con caparbietà leonina, appunto, un rigore che doveva valere tre punti. La fatica di tante gare consecutive si sente in fase difensiva, quando è meno lucido del solito nelle chiusure. Dovrebbe riposare, invece sarà titolare anche con gli azzurri di Mancini.

Radu 5.5

Parte bene, poi si perde. È lui a tenere in gioco Palacio, da un suo disimpegno sbagliato nasce l’occasione di Sansone. Meglio nella ripresa, ma senza convincere al punto di meritare la sufficienza.

Marusic 5.5

Buona l’intesa con Milinkovic, si vede che sta bene perché prova giocate che l’anno scorso neanche pensava. Nella ripresa però la Lazio dalla sua parte soffre perché il montenegrino perde distanze e misura dei passaggi.

Milinkovic 5.5

Un tiro sballato, qualche fine cucitura a centrocampo, ma da lui si aspettano giocate decisive che stavolta non arrivano. Nel secondo tempo si sacrifica in fase difensiva.

Leiva 4.5

Soffre da pazzi perché, contro squadre che giocano con grande intensità, le due mezzali non lo aiutano abbastanza nei ripiegamenti a centrocampo. Letale, soprattutto perché Mezzasquadra non è quello degli ultimi due anni. Orsato è severo con lui, ma certo il vero Leiva non si sarebbe fatto ammonire per due falli così. Aggravante: il rivale di giornata, Svanberg, stravince il duello.

Luis Alberto 5

Neanche l’assist per il secondo gol di Immobile lo salva dalla bocciatura. Pensavo che la convocazione in nazionale lo motivasse ulteriormente, invece prestazione né intensa né ispirata. E non parliamo del solito calcio di punizione (da ottima posizione) sprecato. Mezzo voto in meno, poi, perché doveva avere la personalità per imporsi su Correa e batterlo lui, il rigore della possibile vittoria.

Lulic 5.5

Si fa beffare da Orsolini nell’azione del primo gol, si riscatta subito con l’assist per Immobile che fa 1-1. Il capitano lotta come sempre, ma raramente è lucido nelle scelte: non è un giovincello, ha pagato la partita di giovedì.

Jony 6

In fase difensiva le lacune sono evidenti, ma il passaggio filtrante per Acerbi nell’azione del rigore gli vale la sufficienza.

Correa 5

Diciamolo subito: se la Lazio non perde, è merito suo. Perché è lui che fa espellere Medel con una progressione alla Kakà, così si torna in parità numerica. Ma è pure colpa sua se la Lazio di punti ne prende uno e non tre, visto come ha calciato il rigore. La sua partita inizia quando viene espulso Leiva: prima non fa nulla, dopo è immarcabile e provoca due gialli e un rosso. Quell’errore dal dischetto è troppo grave: non sei mai stato un rigorista, Tucu, perché hai voluto calciarlo tu? Forse perché poco prima avevi fallito un’altra occasione a tu per tu col portiere e volevi rifarti? Grave anche questo: conta la squadra, non il singolo.

Immobile 7.5

Due tiri, due gol. Nove reti in 9 partite ufficiali nella stagione, nazionale compresa, e in tutto con la Lazio sono 94. La sua sostituzione è apparsa lesa maestà, consoliamoci con la certezza di aver ritrovato il goleador implacabile di due anni fa.

Parolo 6.5

Non si limita a sostituire Leiva davanti alla difesa, ma quando può partecipa all’azione offensiva: in gare di grande intensità, meglio giochi lui dall’inizio invece di Luis Alberto.

Inzaghi 5

Forse altri gli metteranno voti peggiori per aver sostituito Immobile: io ho apprezzato l’idea di lasciare in campo Correa, che con i suoi strappi in contropiede fa espellere Medel. Però la sua Lazio non è stata intensa e ha sofferto troppo in difesa. E comunque, con più coraggio, si poteva tenere in campo Ciro e togliere Luis Alberto.

Mihajlovic 10

Forza Sinisa, siamo con te. Bello rivederti in campo, sappiamo che la strada è ancora lunga ma vincerai questa partita così difficile. Un abbraccio grande.

Orsato 4.5

Salvato dal Var sull’espulsione di Medel, cattivissimo nella seconda ammonizione di Leiva. È l’arbitro del 26 maggio (per questo sempre mezzo voto in più), ma la simpatia e il non protagonismo sono altre cose.

6 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
6 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 mesi fa

di solito sono generoso… ?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 mesi fa

Se avessimo perso che voti avresti dato ??? Come siete severi con la Lazio

Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 mesi fa

Per me doveva imporsi Inzaghi nel far rispettare la lista rigoristi che lui stesso ha dato nell’intervista dopo partita. Che significa che se la sentiva Correa? Se il rigorista è Luis Alberto in assenza di Immobile, deve tirare lui. Sennò è il caos totale…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 mesi fa

Si evanescente oggi

Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 mesi fa

Jony 6 Lulic 5.5 bene?

Antonio
Antonio
9 mesi fa

Quando seppi che i soldi di Felipe Anderson erano stati spesi per Correa ebbi la conferma che questa gestione non vuole il bene della squadra e dei tifosi. Adesso continuo a vedere questo androgino inconsistente e provo solo ribrezzo. Si parla di rinnovo e così il destino in negativo della Lazio è garantito. Grazie Inzaghi di rovinarmi le giornate facendomi vedere questo brocco ripugnante che pretende di tirare un rigore al novantesimo quando non segna nemmeno a porta vuota.

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Non sarebbe durato un solo giorno con questa Società. Lui,uomo onesto e vero."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da Approfondimenti