Resta in contatto

Approfondimenti

Rennes, non solo incornate: conosciamo i prossimi avversari della Lazio

Lazio - Rennes, Europa League 2019/20

La Lazio è chiamata a battere il Rennes nella 2ª giornata di Europa League: ma quali sono i punti di forza e le curiosità dei francesi? Scopriamolo insieme – di Antonio Correale

Francese, inglese o italiano. In qualsiasi lingua si provi a leggere il nome dei prossimi avversari della Lazio in Europa League, non si può non pronunciarlo Renne, è questa la parola ricorrente.

Impossibile non sorridere e pensare a quegli animali che rendono felici ogni anno i bambini nella notte di Natale. Ma le renne sono dotate di corna, o palchi, e in quanto tali costituiscono l’arma migliore di questo esemplare. Continuiamo allora a giocare con le parole.

Rennes, la forza nella testa

Nel calcio, citando l’immortale Gianni Brera, il termine “incornare” definisce la realizzazione di un gol di testa, e il caso vuole che il punto di forza della squadra francese siano proprio le incornate. Delle 10 reti realizzate nelle gare ufficiali, 8 derivano da palle alte e quindi colpi di testa vincenti.

L’immagine che subito salta agli occhi è quella di D’Ambrosio che svetta su Jony. Quella sera a San Siro la Lazio non ha solo perso tre punti, anche se immeritatamente, ma ha mostrato una debolezza rappresentata dal poco coraggio di Strakosha. Il portiere albanese spesso fatica a essere il padrone dell’area piccola, questa sfida potrebbe essere l’occasione giusta per dimostrare il contrario.

Difesa ok e poi c’è Niang

Le frecce all’arco dei transalpini però non sono finite. Dopo 8 giornate è la quarta miglior difesa di Francia e poi c’è quel Niang, ex Milan e Torino, capace di qualsiasi cosa quando in giornata. Eppure il Rennes poteva essere oggi uno spauracchio per tutta Europa. L’unica in grado di contrastare economicamente lo strapotere del PSG in Ligue 1.

Come? Il proprietario dei rossoneri è un certo Francois Pinault, il 28° uomo più ricco del pianeta con un patrimonio stimato in 27 miliardi di dollari. Ma la politica del magnate francese è sempre stata quella di scommettere sui giovani, puntando a una crescita graduale e sana del club.

Camavinga stella precocissima

Oggi la rosa è composta per la maggior parte da ragazzi under 25, segnale evidente di una squadra veloce e imprevedibile.

Uno su tutti è il centrocampista Eduardo Camavinga, 17 anni ancora da compiere e una duttilità sul rettangolo verde inedita per un minorenne. Quest’anno per lui già 7 presenze su 8 in campionato in aggiunta al gettone nella prima sfida del girone contro il Celtic.

Lazio-Rennes si preannuncia come un match tra due pugili che si studieranno e sfrutteranno le debolezze dell’avversario per colpire. E, proprio come nella boxe, stavolta non esisterà la possibilità di accontentarsi di pareggio: entrambe avranno bisogno, in virtù dei risultati precedenti, di una vittoria per ko.

 

Lo sapevi?

Lazio, a fine partita ecco il “terzo tempo” dei giocatori con le loro famiglie

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Mito e Bandiera per Sempre!"
Immobile

#CountdownToHistory: col gol al derby, Immobile supera anche Rocchi nello score delle stracittadine

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da Approfondimenti