Resta in contatto

#CardoMercato

Lazio, il rinnovo di Caicedo e quei complimenti di Lotito a Formello

La prima pagina del CorSport Roma: "Celtic - Lazio come una finale"

Il prolungamento del Panterone con la Lazio è cosa fatta, a breve arriverà anche l’annuncio: il presidente ha applaudito l’attaccante nel suo blitz di sabato nel centro sportivo

Felipe Caicedo ha deciso di sposare ancora la Lazio, non è più un’ipotesi ma un dato di fatto: il rinnovo di contratto tra il Panterone e il club biancoceleste è stato messo nero su bianco, l’annuncio arriverà a breve e sancirà il prolungamento fino al 2022 (l’accordo era in scadenza).

Una scelta caldeggiata a lungo ai piani alti di Formello, l’ecuadoriano ha sempre riscosso grande fiducia sia nel ds Tare che in Simone Inzaghi. Ma gli attestati di stima non mancano neanche da parte di Claudio Lotito. Come vi abbiamo raccontato sabato, alla vigilia di Lazio-Genoa il presidente ha fatto visita alla squadra: durante la rifinitura, ma anche in serata dopo aver presenziato a un convegno non lontano dal centro sportivo.

I complimenti del patron a Caicedo

Il numero uno biancoceleste ha strigliato i giocatori, ha chiesto loro di essere meno individualisti in campo e di ragionare maggiormente da collettivo. Per Lotito – è il retroscena che abbiamo raccolto – è stata però anche l’occasione per rivolgere i propri complimenti allo stesso Caicedo: prima di tutto per la prestazione positiva di San Siro contro l’Inter, ma soprattutto per la scelta di proseguire l’avventura con la Lazio. Il gol segnato da FeliPanther contro il Genoa non ha fatto altro che legittimare la bontà della decisione: il numero 20 vuole essere sempre più protagonista con l’aquila sul petto.

 

Ehi, qui c’è una gallery da non perdere: 

Lazio, lo Stadio degli Aquilotti: tanti piccoli tifosi nella domenica perfetta

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

Bravo CAICEDO che bella notizia resti con noi fino al 2022 speriamo anche oltre

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Ero giovanotto e seguivo la squadra in quegli anni difficili. No come oggi che si fa polemica se arrivi secondo o quarto. Rimane sempre nel mio cuore..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da #CardoMercato