Resta in contatto

Approfondimenti

Cluj – Lazio, Cardopagelle: solo insufficienze, consolazione Jony

Lazio, Jony

Cluj – Lazio conferma il momento no dei biancocelesti: l’Europa League parte con una sconfitta. Le pagelle della sfida persa al Constantin Radulescu

Le mie pagelle di Cluj – Lazio.

Strakosha 4.5

È alto 1,93, può usare le braccia lunghissime e invece si fa beffare di testa da Omrani, il più temuto da Inzaghi. Stavolta colpevole pure lui, altroché. La ferocia agonistica serve anche al portiere.

Vavro 5

Si sente osservato speciale e cerca di fare le cose semplici, a volte anche troppo (per esempio quando rinvia alla viva il parroco palloni non così complicati da addomesticare). Male pure lui nell’azione del 2-1, quando sbaglia i tempi di uscita.

Acerbi 5.5

Coinvolto nel pasticciaccio brutto del 2-1, mezzo voto in più rispetto ai compagni di reparto lo merita per la consueta determinazione: è praticamente l’unico che lotta sempre, senza fare distinzioni tra gara amichevole o di campionato o di Europa League. Ma i compagni non lo seguono.

Bastos 5

Alla Lazio in questo momento succedono cose così: anche chi segna, si becca un brutto voto in pagella. Perché nel secondo tempo l’angolano sbaglia tutto, in particolare nell’azione del Cluj poi vanificata dal tiro sbagliato di Omrani. E sul gol decisivo resta a guardare in modo incomprensibile.

Lazzari 4

Un giocatore di Serie A non può assolutamente sbagliare quel gol. È il sogno di ogni calciatore, la palla che rimbalza docile davanti, proprio sul piede giusto. E invece la sparacchia in curva. Troppo grave, mi dispiace Manuel. Sarebbe stato il 2-0, altra partita quindi. Te ne sei reso conto subito anche tu, ragazzo: non riuscivano a consolarti, dopo quell’errore. Ma testa alta, aspettiamo una reazione adeguata, questo è il momento di dimostrare di essere da Lazio.

Milinkovic 5.5

La fascia di capitano gli fa bene perché è sempre dentro la partita, colpisce due volte di testa che sembra gol, inventa l’assist magnifico sprecato da Lazzari. Ma il secondo tempo è solo nervosismo, con pochissima lucidità.

Leiva 5

Lo so, caro Mezzasquadra, che il rigore non c’era perché il fallo lo hai subito tu, ma in questo momento gira tutto male. Hai cercato di dare ordine, qualche compagno però non parlava la tua stessa lingua (vedi Berisha). In ogni caso da te mi aspetto di più, sempre. Devi aiutare Acerbi a dare la scossa alla squadra.

Berisha 5

Senza dubbio è tornato in buone condizioni fisiche, ma la sua è una partita senza guizzi, senza emozioni date e ricevute, solo passaggi brevi e corse alla ricerca di qualcosa che non trova. Bisogna osare di più, Valon, se vuoi essere considerato il famoso “nuovo acquisto”.

Jony 6.5

Abbiamo un tipo che crossa così e non lo facciamo giocare? La consolazione della serata: se impara i meccanismi del “quinto”, lo spagnolo diventerà titolare fisso, nonché un’arma importante per Inzaghi. Formidabili i cross di sinistro, davvero: tesi, a rientrare, carichi d’effetto. Perfetti. Peccato che solo Bastos ne approfitti.

Caicedo 4.5

Solo sponde, senza tirare mai. Troppo lontano dalla porta, troppo. E troppo leziosi certi scambi con Correa.

Correa 4

Dalla nazionale è tornato un altro giocatore, purtroppo la controfigura del Tucu che deve fare la differenza. Non gli riesce niente, dai dribbling ai tiri senza forza.

Cataldi 5.5

Si batte, ma in quell’occasione finale poteva fare di più.

Adekanye e Lulic senza voto.

Inzaghi 4.5

Lasciare a casa chi può cambiare la partita, come Immobile e Luis Alberto, non si è rivelata una grande idea. Ma preoccupa di più che non riesca a trasmettere la carica giusta ai suoi: altrimenti non si spiegano questi secondi tempi inguardabili. Di sicuro i discorsi nell’intervallo non incidono, ecco. Forza Simone, trova la chiave per uscire dal tunnel.

Arbitro Stefanski 4

Inventa un rigore per il Cluj e così riapre la partita. Almeno nel primo tempo, quindi, è il migliore dei romeni. All’Uefa non siamo simpatici, vecchia storia. La figuraccia della Lazio resta, per carità, ma il suo errore è decisivo.

 

Entra nel muro e sfoga la tua delusione per la sconfitta con il Cluj:

Cluj – Lazio, un’altra sconfitta: cos’è che ti lascia più perplesso?

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Anno perso la faccia tutti sono stati troppo illusi all”inizio

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

0 ?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Date anche un voto a Lotito e Tare?

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Mito e Bandiera per Sempre!"
Immobile

#CountdownToHistory: col gol al derby, Immobile supera anche Rocchi nello score delle stracittadine

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da Approfondimenti