Resta in contatto

Editoriali

Forza Lazio, finalmente si riparte: ecco perché è giusto pensare positivo

Lazio, la festa dopo la vittoria

Ci aspetta una Serie A entusiasmante, alla Lazio il compito di farci divertire con l’obiettivo di realizzare il sogno Champions

Finalmente campionato! Ci mancava moltissimo, diciamo la verità, con questo mercato lunghissimo ma che la nostra Lazio ha chiuso praticamente già prima del ritiro di Auronzo. Con il titolarissimo Lazzari, con Vavro destinato a diventarlo, con la scommessa Adekanye e poi con Jony, il cui transfer dovrebbe arrivare in tempo per renderlo disponibile nel derby.

“Si parla poco di noi. Sappiamo di essere dietro nella griglia di partenza, ma per quello che ho visto saremo lì a giocarci i posti che contano”.

Simone Inzaghi – siamo contenti ci sia ancora lui, un tifoso in panchina, a guidare la Biancoceleste – ha sintetizzato bene, in questa vigilia di Samp-Lazio, situazione, pronostici generali e ambizioni.

Le concorrenti della Lazio

Le critiche al mercato sono arrivate puntuali, da tantissimi tifosi, ma io credo che la squadra sia forte: se riceverà la spinta giusta dall’ambiente e avrà meno contrattempi del solito (ingiustizie arbitrali da punchingballazio e infortuni), potrà lottare di nuovo per la Champions dietro le tre favoritissime Juve, Inter e Napoli. Quelle tre faranno un campionato a parte, almeno sulla carta è così, la Lazio la inserisco nel gruppo che insegue: dovrà vedersela con Roma, Milan, Atalanta, Torino, più la mina vagante, cioè la Fiorentina di Ribery e Chiesa. Mi intrigano anche il Bologna del guerriero Sinisa e il Cagliari del super centrocampo.

Ci aspetta un campionato entusiasmante, con qualche campione in più a impreziosirlo e con l’effetto Conte che ridurrà il gap con la Juve. Alla Lazio il compito di farci divertire, con l’obiettivo di realizzare il sogno Champions che due anni fa è stato fallito solo per torti arbitrali che resteranno nella storia.

La via di mezzo tra le due visioni opposte

Si parla molto di rosacorta, che detto così tutto attaccato sembra un vino neanche troppo buono, ormai è un luogo comune, i non titolari devono dimostrare che trattasi di un tormentone stucchevole e ingiusto o comunque esagerato. Personalmente credo che ci sia una via di mezzo tra chi, come Sconcerti e Mura (i due maestri più rispettati del giornalismo sportivo italiano e non solo), addirittura concede chance di scudetto alla Lazio (non illudiamoci, sappiamo bene che non ce ne sono), e chi invece vede tutto nero, i catastrofisti a oltranza che già hanno dimenticato che un top player come Milinkovic gioca ancora nella Lazio ed era tutt’altro che scontato.

Giusto pensare positivo

Con giocatori come Sergej, Ciro, Leiva, Luis Alberto (motivatissimo perché mai così al centro del progetto tecnico), Acerbi, Lulic e quel fenomeno di Correa, il Kakà della Lazio, più un innesto fondamentale sulla fascia come Lazzari e un altro che si annuncia importante come Vavro (ma diamogli tempo, viene da una realtà completamente diversa), è giusto pensare positivo e accompagnare con fiducia la squadra già dalla difficile trasferta di domani a Marassi con la Samp.

Penso che avere alternative come Bastos, Luiz Felipe, Parolo, Jony (ma potrebbe togliere il posto a Lulic), il talento André Anderson, Marusic, Cataldi, Caicedo e Berisha, se quest’ultimo saprà ritrovarsi, possa bastare per affrontare un’altra stagione da protagonisti. Io avrei tenuto Badelj e Romulo, questo sì, e prenderei un Kozak, insomma un attaccante-ariete, un colpitore di testa, figura che non c’è nella rosa biancoceleste, ma per il resto questa Lazio mi piace e noi di Sololalazio.it la seguiremo con amore passo passo, giorno dopo giorno, senza farvi mancare mai notizie, retroscena, curiosità e tutto quanto fa Lazio, momento per momento.

Un’altra grande avventura inizia, noi siamo pronti, la Lazio anche, godiamoci il campionato tutti insieme, confrontandoci sempre ma abbracciando la Biancoceleste per le emozioni che saprà regalarci. Buon campionato agli amici di Sololalazio.it e Forza Lazio!

 

Leggi anche:

Inzaghi su Caicedo: “Probabilmente rinnoverà con noi”

8 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
8 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Forza lazio

trackback

[…] Forza Lazio, finalmente si riparte: ecco perché è giusto pensare positivo […]

trackback

[…] Forza Lazio, finalmente si riparte: ecco perché è giusto pensare positivo […]

Gabriele
Gabriele
1 anno fa

Che amarezza…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Vola sul prato verde vola… Lazio tu nn sarai mai sola. Vola un’aquila nel cielo in alto sempre volerai
SEMPRE FORZA LAZIO

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

??⚪? AVANTI LAZIO CARICAAAA

trackback

[…] Forza Lazio, finalmente si riparte: ecco perché è giusto pensare positivo […]

trackback

[…] Forza Lazio, finalmente si riparte: ecco perché è giusto pensare positivo […]

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Gufi gufi marameo tutti giù dal Colosseo...Insieme a Maestrelli l'allenatore più importante della Lazio. Onore a lui"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da Editoriali