Resta in contatto

Approfondimenti

Parola a Dusan Basta: “Grazie a tutti! Il gol nel derby, il ricordo più bello”

Dusan Basta

Dusan Basta interviene per la prima volta dopo il suo addio alla Lazio: l’esterno serbo riavvolge il nastro dei cinque anni in biancoceleste

Ha salutato la Lazio in punta di piedi, Dusan Basta. Il 30 giugno è scaduto il suo contratto, si è chiusa un’avventura lunga cinque anni. Un addio ai colori biancocelesti che finora avevano visto l’esterno serbo in silenzio.

Il classe 1984 parla per la prima volta, dopo la fine del suo legame con la squadra capitolina, ai microfoni di Tuttomercatoweb.com:

“Cinque anni nella Lazio sono stati bellissimi. Tante belle cose, tante emozioni”.

“Il gol nel derby, il ricordo più bello”

Nella sua chiacchierata, Dusan Basta parte dal suo arrivo a Roma. Stagione 2014/15:

“Il primo anno con Pioli: terzo posto e preliminari per la Champions. L’ultima partita contro il Napoli, fuori casa, è stata una delle gare più emozionanti mai giocate. Poi la festa a Formello coi tifosi… indimenticabile!”.

L’ex Udinese continua a sfogliare il libro dei ricordi:

“In questi cinque anni abbiamo fatto quasi sempre l’Europa League. Peccato non essere riusciti ad andare in Champions. Con l’arrivo di Simone Inzaghi abbiamo dato continuità negli ultimi tre anni. Pure con lui ho vissuto tantissime emozioni. La cosa più bella in assoluto? Il gol nel derby che abbiamo vinto 3-1”.

“Ringrazio tutti per questi anni bellissimi”

Per il laterale 35enne (li compirà ad agosto), la Lazio è stata una parte fondamentale della sua vita, non solo in campo:

“Sono stati cinque anni bellissimi nella mia carriera. Io e la mia famiglia ci siamo innamorati della città. Mio figlio è nato a Roma. Roma è diventata casa nostra”.

Dopo cinque stagioni, la conclusione:

“Nella vita tutto ha un inizio e una fine: il contratto con la Lazio è finito. Ringrazio squadra, staff, tifosi e club per questi anni bellissimi insieme”.

E cosa farà ora Dusan?

“Adesso si volta pagina e testa alla prossima sfida. Sono bello riposato e carico pronto per nuovi stimoli. Mi sto allenando ogni giorno e mi sento benissimo. Preferisco rimanere in Italia, ovviamente. Sono undici anni che sono qui, naturalmente vorrei rimanere. Però non è da escludere una esperienza all’estero…”.

 

Leggi anche:

Lazio mercoledì in Campidoglio, Raggi: “Coppa Italia motivo d’orgoglio”

11 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
11 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Grazie a te, caro Dusan…in becco all’aquila per tutto!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Grazie di aver difeso i nostri colori con la tua signorilità.?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Ti auguro tanta fortuna e un futuro sempre sorridente! Grazie di tutto! Nn ti dimenticheremo maiiii

Ezio Impellizzeri
1 anno fa

Leggo queste dichiarazioni rilasciate e dispiace quando per un calciatore che ha militato per lungo tempo debba lasciare una società in cui si è trovato bene,sostenendo la stessa medesima cosa per un calciatore che ha speso tanto per la causa biancoceleste,riferendomi a Stefan Radu e non mi spiego questa scelta societaria. Certo che queste dichiarazioni fanno molta tenerezza.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Grazie a te Dusan?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Un gran signore ed il gol al derby indimenticabile! In bocca al lupo ??

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

ciao e buona fortuna DUSAN

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Veramente un grande signore .. in bocca lupo per tutto grazie

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Grazie e buona fortuna Dusan?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

un Signore, come è sempre stato

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Grande giocatore GRANDISSIMO uomo ? buona fortuna ?

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Mito e Bandiera per Sempre!"
Immobile

#CountdownToHistory: col gol al derby, Immobile supera anche Rocchi nello score delle stracittadine

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da Approfondimenti