Resta in contatto

News

Finale Coppa Italia, parla Inzaghi: “Vogliamo questo trofeo!”

Finale Coppa Italia, Lulic e Inzaghi

Finale Coppa Italia, Simone Inzaghi in conferenza stampa dall’Olimpico alla vigilia di Atalanta-Lazio: leggi le dichiarazioni del tecnico biancoceleste

Vigilia di Atalanta-Lazio, di una finale di Coppa Italia stra-attesa. Domani all’Olimpico (ore 20.45, diretta tv su RaiUno), la sfida tra Simone Inzaghi e Gian Piero Gasperini vale il trofeo.

Proprio dall’Olimpico, il tecnico biancoceleste è intervenuto in conferenza stampa insieme a capitan Senad Lulic: leggi le sue dichiarazioni con Sololalazio.it.

“Voglio una squadra unita e compatta”

“La squadra arriva bene a questa gara. A Cagliari abbiamo fatto una buona partita, vinta meritatamente. Domani sera sarà molto molto importante. Ci siamo incontrati dieci giorni fa, sarà una bellissima partita. Vorrò vedere la mia squadra unita e compatta per fare in modo di non avere quei cali di tensione ed errori individuali, che contro l’Atalanta possono essere letali”.

“Dobbiamo essere lucidi”

“È una partita importantissima, la giochiamo nel nostro stadio davanti ai nostri tifosi. Abbiamo la fortuna di avere tanti giocatori in rosa che hanno già giocato partite importanti. Dobbiamo arrivarci molto lucidi, consapevoli di noi stessi. Abbiamo questo tipo di partite nel Dna e dobbiamo giocarla nel migliore dei modi”.

“La via più corta per l’Europa”

“I ragazzi sanno che, per andare in Europa, questa è la strada più corta e più semplice. La nostra testa è solo per domani sera”.

“Vogliamo questa coppa”

“L’ho detto anche davanti al Presidente della Repubblica, queste due squadre hanno fatto una grande cavalcata. Entrambe non eravamo considerate favorite all’inizio, domani speriamo che a prevalere sia la Lazio, vogliamo prenderci questa coppa. Ma la cavalcata di entrambe è stata entusiasmante”.

“Banti tra i migliori”

“Penso che Banti si sia meritato questa designazione sul campo. È normale che possano esserci precedenti, è uno degli arbitri migliori che abbiamo”.

“La sconfitta in campionato ci ha insegnato tanto”

“Dovremo essere molto lucidi a evitare errori individuali. Con l’Atalanta abbiamo perso due volte, negli scorsi anni avevamo quasi sempre vinto noi. La partita di due settimane fa ci ha insegnato tante cose, contro una squadra che sta facendo cose straordinarie con un grande allenatore. Conterà la leggerezza dei miei ragazzi, dovranno essere tranquilli. Io sono sereno e fiducioso, hanno lavorato al meglio. La partita sarà lunga, secca, magari non basteranno 90 minuti”.

Le scelte di formazione

“Immobile ha le stesse chance di Correa e Caicedo. Ho tre attaccanti che stanno bene, quello dei tre che andrà in panchina sarà chiamato a partita in corso, sarà un ‘rincalzo’ tra virgolette. Capiterà anche con Romulo e Marusic, Parolo e Milinkovic e anche in difesa. La differenza la farà l’unità d’intenti”.

“Il mio futuro non è legato a domani”

“Il mio futuro alla Lazio credo non si debba decidere per una singola partita, sarà deciso tra me e la mia società. Non è questo il momento per parlarne”.

“Ho appreso anche da Gasperini”

“Gasperini ha dato una fisionomia ben precisa alla sua squadra, tante cose le ho guardate da lui, ho cercato di apprenderle. Poi ogni allenatore ha le sue idee. Onore a queste due squadre”.

 

Leggi anche la conferenza di Senad Lulic:

Finale Coppa Italia, Lulic: “Il 26 maggio? Domani un altro deve diventare eroe”

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Gufi gufi marameo tutti giù dal Colosseo...Insieme a Maestrelli l'allenatore più importante della Lazio. Onore a lui"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da News