Resta in contatto

Parola ai tifosi

Derby, la differenza tra noi e loro sta in un detto romano

Derby, Curva Nord a Lazio-Milan

Derby, la differenza tra “chi sa aspettare e la gatta frettolosa” – di Gianluca “Baccarius”.

Il sapere aspettare è una dote o un pregio dell’essere umano. Oppure la differenza che c’è tra chi è razionale, assennato, ponderato e chi per natura è la famosa gatta frettolosa. Questa, credo, sia una delle differenze tra il tifoso Laziale e quello Romanista.

Il Laziale è sempre molto pacato, quasi riservato nel parlare della sua squadra: si espone quando deve e necessario, anche nelle vittorie è contenuto, educato e misurato. Il Romanista è tutto il contrario: ostenta una romanità che non gli appartiene, si arroga il diritto di poter essere tra i grandi club europei, si fregia di record che non sono e possono essere catalogati, ha sempre bisogno di “arruolare” giovani tifosi. Come? Basta vedere come si approcciano ai bambini, i quali, poveri, per qualunque cosa chiedano o facciano si sentono rispondere: “Te lo compro o te ce porto solo se dici Forza Roma”.

Il cuoco a mensa mi diceva sempre…

Proprio al riguardo, ho potuto constatare e toccare con mano questa differenza quando ero alle elementari. Ovviamente io unico Laziale. Ogni volta che arrivavamo a mensa, il cuoco (indovinate di quale squadra era) mi diceva: “Se non dici Forza Roma non ti do’ da mangiare” e io ovviamente non glielo ho mai detto. Anzi, con la sincerità e la sfrontatezza di un bambino di 7/8 anni, gli ho risposto: “Se tu non mi dai da mangiare, io ti faccio denunciare dai miei genitori perché loro pagano tutti i mesi la retta della mensa”.

Ecco, proprio in quegli anni ho acquisito la consapevolezza come tra noi e loro ci sia un universo di differenze. Differenza almeno sportiva a loro favore negli anni ’80. Loro vinsero uno scudetto e erano con la Juventus le squadre più forti. Noi invece galleggiavamo tra Serie A e B senza però mai perdere la nostra identità e la nostra dignità. Cosa questa che il Romanista non vuole e può capire, anzi, ci deride degli anni passati in B.

Senza però sapere che per la mia generazione quelle sofferenze hanno portato in dote al tifoso Laziale Grinta, Senso enorme di Appartenenza, Attaccamento unico a quei colori, così belli che solo il cielo può avere. E soprattutto, tanto ma tanto Amore per il nostro simbolo, quell’Aquila così fiera maestosa e nobile che anche gli antichi Romani scelsero come effige, emblema ed immagine, per rappresentare la grandezza dell’Impero in tutto il mondo allora conosciuto.

Roma-Liverpool, con la casa piena di romanisti

E tornando al chi sa aspettare (Laziale) e chi invece fa la gatta frettolosa (Romanista), ricordo tutto ciò che mi accompagnò fino a quel Roma-Liverpool del maggio ’84. Immaginate una classe di soli Romanisti che tutti i giorni, facendo branco, mi facevano notare che loro si sarebbero giocati la Coppa dei Campioni, che loro erano i più forti, che noi eravamo una squadretta ( come dicono loro “na squadra de pippe”), che er tifoso Romanista è sempre er più e che, soprattutto, erano già campioni. Ecco qui che l’abbinamento tra la famosa gatta e loro è più che mai perfetto.

Roma, la mia città, nei giorni precedenti alla finale Roma-Liverpool, era tappezzata di stendardi, mega striscioni, bandiere, immagini che avevano in comune la scritta “ Roma campione”. Fino a quella sera, tutti noi cittadini subimmo la famosa “goliardia” e coattaggine dei tifosi giallorossi. E io? Cosa feci? Aspettai. Aspettai gli ospiti che mia madre invitò a casa nostra la sera della finale: i miei compagni di classe più legati a me e i loro genitori (tutti amici di famiglia) ovviamente tutti della Roma (come mia madre).

Nel prepartita, ascoltai in silenzio le loro sicurezze, le loro spavalderie e le loro teorie di grandezza. Poco prima del fischio iniziale, calai il jolly: andai in cameretta e indossai la mitica maglia dei Reds, casualmente comprata a Londra a Natale del 1983, quando andai a trovare mio zio che viveva e vive nella capitale britannica. Non vi dico cosa, prima con gli occhi e poi a parole mi hanno detto tutti. Ma io non mi feci influenzare. Comincia la partita e poi segna il Liverpool: di nuovo strilli e parolacce nei miei confronti. E io, una sfinge.

Per evitare altre tensioni, mia madre mi chiese di togliermi quella maglia: la tolsi solo per lei. Che successe? Segnò Pruzzo: cominciarono scene di giubilo di canti e riaffiorarono tutte quelle manie di grandezza e sicurezze che fino al gol del pareggio erano svanite. A quel punto, “sprezzante del pericolo”, tornai in camera e indossai nuovamente la casacca del Liverpool.

Non la tolsi più, anzi era quasi diventata una seconda pelle, fino al termine. Sappiamo tutti come è andata a finire. Mi è dispiaciuto per i miei amichetti ma, quella sera mi presi la mia rivincita, perché ho saputo aspettare gli eventi prima di parlare come fa, di solito, il tifoso Laziale al contrario del tifoso giallorosso. Quindi il vecchio detto “la gatta presciolosa fece li fiji ciechi” sta più che mai a rimarcare la Differenza tra noi e loro.

Leggi anche l’omaggio a Stefan Radu del nostro lettore Max883

Derby, omaggio a Radu: “Mi chiamo Stefan e sono un tifoso laziale”

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Gianluca
Gianluca
4 mesi fa

scusate se mi inserisco. Sono un torinese che vive a Roma da molti anni. Sono neutrale in quanto non sono nè laziale nè romanista (sono tifoso del Toro da sempre, come tutti nella mia famiglia). Qui a Roma con i colleghi ed i nuovi amici si parla di calcio, tra le altre cose…. si è vero, i tifosi della Roma sembrano essere molti di più, non sono in grado di fare percentuali, ma mi sembra sia cosi… talvolta sento fare parallelismi tra noi granata di Torino ed i tifosi della Roma, ma io non vedo questa similitudine, a parte il… Leggi il resto »

Alessia
Alessia
1 anno fa

Ricordi indelebii di quella finale ….ho vissuto i tuoi stessi incubi sia in classe che con i parenti….alla fine della partita (per loro finita 4 a 5 perché il gol annullato era vero????) mi sn dovuta chiudere in bagno altrimenti il fratello (diventato riommerd nel mentre…)mi uccideva. …anni dopo sortegli europei e avviso il collega che sicuramente il Liverpool li robusta fuori e così è stato….ho vissuto anni 80 da incubo…gli anni 90 e parte del nuovo millennio da giubilo….son abituata a soffrire ma soprattutto a gioire….perché con la Lazio nel cuore si nasce,si vive e si muore!SFL

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Non ho più seguito un serbi allo stadio da quella domenica che uccisero Paparelli io mio marito è i miei figli eravamo allo stadio siamo fuggiti la paura era enorme non ci posso ancora pensare

Antonella Sallesi
Antonella Sallesi
1 anno fa

???????

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"
Immobile

#CountdownToHistory: Immobile affonda anche il Sassuolo. Girone d’andata chiuso a quota 13

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da Parola ai tifosi