Resta in contatto

Parola ai tifosi

Derby, omaggio a Radu: “Mi chiamo Stefan e sono un tifoso laziale”

Stefan Radu

Derby, pubblichiamo l’omaggio a Stefan Radu del nostro lettore Max883.

Salve a tutti,

mi chiamo Stefan, sono nato a Bucarest 32 anni fa, ma vivo a Roma da ormai undici anni. Di mestiere faccio il calciatore, il mio ruolo è quello di centrale di difesa. Qualcuno mi vede molto bene anche come terzino sinistro (io non ne sono molto convinto).

Da quando sono arrivato in città, ho giocato solo per una squadra, la prima della città, e ormai la considero casa mia. Non sempre è stato tutto rose e fiori, anzi ci sono stati dei momenti duri: i primi tempi giocavo poco perché c’era un certo serbo, bravino nelle punizioni, che scendeva in campo al posto mio. Una volta andato via, sono stati gli infortuni la mia sfortuna. Tanti, troppi, perlopiù muscolari e molti perché acceleravo il rientro in campo per aiutare quella che incominciavo a sentire come una casa, una famiglia.

Sabato è un giorno importante, c’è la Partita! Io ne ho giocate tante, con alterne fortune.

Ancora ricordo il primo: erano passati tre anni dal mio arrivo, quando un cecchino tedesco al ’95 mi regalò la prima gioia dopo tante delusioni e qualche cartellino rosso.

Dopodiché arrivò quello che rimarrà il Derby di Roma per eccellenza. Era maggio e ho solo un’immagine di quella partita: io che provo a dare un calcio nel sedere al mio amico Senad, bosniaco dai piedi poco raffinati ma dal cuore grande.

Da quel giorno ne sono passati altri di derby, con molte delusioni (anche per colpa mia) e poche ma IMPORTANTI gioie (la Coppa Italia vi dice nulla?). In alcuni ho fatto il tifoso,una volta dalla tribuna, altre in panchina insieme ai miei compagni.

Sabato sarà una partita molto importante e io sarò lì come sempre a combattere per me, per la Lazio e soprattutto per voi, perché ormai io sono uno di voi.

Ciao, sono Stefan Radu e sono un tifoso laziale.

15 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
15 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Fantastici ricordi di un signori eccezionale e letale per chiunque odiato dalla tifoseria romanista all'inverosimile. Quando Cragnotti senza preavviso..."

Immobile da record: Ciro stacca Quagliarella e punta la top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Unico solo intramontabile Ciro! Grazie di esistere"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Unico , indimenticabile , una bandiera , un trascinatore ... di una tale Lazialita' senza rivali.......Quel coraggio di affrontare una curva..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da Parola ai tifosi