Solo La Lazio
Sito appartenente al Network

Lazio, a chi contesta ora dico: amiamo questi colori, nella gioia e nel dolore

Lazio, la Curva Nord
Lazio, Curva Nord

Lazio, il nostro miracolo è di essere vivi dopo tanta burrasca.- di Gianni Calviello

11 anni di B. È l’accusa più ricorrente che i dirimpettai ci fanno credendo di ferirci. Non sanno che quel periodo ha marchiato a fuoco un’intera generazione di laziali duri e puri.

La tragica epopea degli anni Ottanta

Andando per sommi capi – altrimenti ci vorrebbe un’enciclopedia – e limitandoci agli anni Ottanta, cominciamo con la torrida estate del 1980 quando fummo retrocessi per il famoso calcio scommesse, che vide coinvolti i due giovani più forti in Italia, il muro del ’74 e Cacciatori; il campionato che seguì fu un vero concentrato di Lazio, tra infortuni, rigori non visti e rigori sbagliati da chi prima non aveva mai fallito.

L’anno dopo fu una tortura, dalla quale uscimmo a giugno in un Lazio Varese. E il campionato successivo salimmo. Il feticcio di Re Giorgio presidente non ci salvò da nuove ambasce e tornammo in B dopo due campionati, grazie a uno spogliatoio che Beirut gli spicciava casa per come era diviso.

L’anno dopo, stagione 1985-86, fu un’altra angoscia tra bollette e stipendi non pagati e gente che sputava sulla maglia. Ci salvò un galantuomo, Gigi Simoni, a cui la sorte levò uno scudetto con l’Inter e un figlio perso in un incidente stradale. Poi venne il -9, di cui penso sappiamo tutto e l’anno dopo la promozione sotto il segno di Fascetti.

La radice di un attaccamento verace

Tutto questo non è solo esercizio agiografico, ma la radice di un sentimento di attaccamento verace alla Fede, dove gli idoli erano Spinozzi, Garlini e Vagheggi, Podavini e Vella. Una Fede seguita nella tempesta da un mare di gente in casa e fuori con orgoglio; un monumento va fatto a un grande Laziale, nativo di Merano, tale Gianni Elsner, una splendida rappresentazione dei nostri colori.

A chi contesta ora, dico solo di amare questi colori, nella gioia e nel dolore. Il nostro miracolo è di essere vivi dopo tanta burrasca.

A mio Papà, che mi ha tramandato questa Fede.

Subscribe
Notificami
guest

5 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 anni fa

Ma sempre

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 anni fa

Sempre forza Lazio ?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 anni fa

SEMPRE CON LEI FORZA AMICA MIA

Commento da Facebook
Commento da Facebook
4 anni fa

stile deve essere questo

Commento da Facebook
Commento da Facebook
5 anni fa

AVANTI LAZIO SEMPRE AL TUO FIANCO FORZA LAZIO

Articoli correlati

Nuovo aneddoto a tinte biancocelesti direttamente dagli anni ’70, con i calciatori impegnati a farsi...

Il racconto di dove è nata un’intuizione tattica di Maestrelli e di come un premio...

Idee, proposte, suggerimenti per costruire soluzioni e colmare la distanza siderale che si è creata...

Dal Network

È un Gian Piero Gasperini molto soddisfatto quello che analizza il successo scoppiettante della sua...

  E’ calato il sipario sulla sessione invernale di calciomercato. Dopo le 20:00 di ieri,...

  Zvonimir Boban, ex “Head of Football” presso l’UEFA, ha annunciato le sue dimissioni irrevocabili...

Solo La Lazio