Resta in contatto

Casa Lazio

Lazio, un comunicato chiarisce la vicenda del sacerdote a Formello

Lazio a Formello

La Lazio chiarisce la vicenda del sacerdote invitato a Formello.

Nessun mago e esorcista tra le mura della Lazio. Il club biancoceleste ha smentito la ricostruzione, riportata da diverse testate, di una sorta di “rito di purificazione” avvenuto a Formello e legato ai tanti infortuni.

“Non abbiamo bisogno di maghi ed esorcisti”

Nel centro sportivo c’è stato come ospite un sacerdote, amico personale di Lotito, ma per una normale benedizione. Ecco il comunicato pubblicato sul sito ufficiale biancoceleste:

“A differenza di altri, la S.S. Lazio non ha bisogno di maghi ed esorcisti. Il Presidente Claudio Lotito ha chiesto a un sacerdote, a cui lo lega un’amicizia cinquantennale, don Vincenzo, di recarsi a Formello per celebrare con una benedizione la conclusione dei lavori di ristrutturazione del Centro Sportivo biancoceleste.

Sono stati infatti realizzati due nuovi campi da gioco oltre a nuovi spazi per il Settore Giovanile, rinnovati dal punto di vista strutturale e tecnologico gli spogliatoi della prima squadra, dello staff tecnico e della Primavera, nonché ampliate e potenziate la palestra, la piscina e la zona relax”.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Era facile prevedere fosse così.
La solita cornice marcia non ha perso l’occasione per metterci alla berlina.
SFL

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Ottima osservazione ?????

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

no avremmo bisogno solo di due cose: una società più ambiziosa (nei fatti, non nei proclami) e tifosi più attaccati e presenti che sostengano la squadra. Perchè -sembrerà strano- si può anche essere severi nei confronti della società (e ci sono tutte le ragioni per esserlo) e allo stesso sostenere la squadra, specie nei momenti difficili e importanti come questo. Per molti però pare che le cose si escludono per forza a vicenda…

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Immobile

#CountdownToHistory: Immobile supera Signori al 2° posto all time

Ultimo commento: "Prendere Piola la vedo dura ... "
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Ho avuto la fortuna di conoscerlo, parlarci per ore ed era prorprio come viene descritto da tutti. Ho ancora la sua maglia originale: quella con il 9,..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il suo dito che esce fuori dalla nebbia al derby. Non si vedeva nulla ma la palla era dentro la rete! E segna sempre lui!"
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Fascetti una persona indimenticabile, grazie"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."

Altro da Casa Lazio