Resta in contatto

News

Lazio, tre partite che fanno una stagione

Lazio, Simone Inzaghi

Tre partite per segnare una stagione

La Lazio entra nel vivo della propria stagione. Dopo l’eliminazione dall’Europa League per mano del Siviglia, i biancocelesti non possono permettersi il lusso di fermarsi a pensare a ciò che poteva ma non è stato. Come riporta l’edizione odierna il Corriere dello Sport, l’imminente impegno di Coppa Italia e il derby con vista Champions sono troppo importanti per non meritare tutta l’attenzione del caso.

Focus su Lazio-Milan di Coppa Italia

Martedì sera andrà in scena la sfida di andata della semifinale di Coppa Italia tra Lazio e Milan e per gli uomini di Inzaghi sarà di fondamentale importanza partire bene per incanalare su binari favorevoli il doppio incontro. I biancocelesti, falcidiati da numerosi infortuni, dovranno compattarsi e realizzare un prova d’orgoglio per poter superare questo Milan. Il diavolo è reduce da un momento di forma strepitoso e con l’arrivo del bomber polacco, Piatek, i rossoneri sembrano aver trovato il finalizzatore che cercavano.

Un derby per l’Europa

Non si può pensare solo alla Coppa Italia, in campionato le avversarie corrono e anche forte. Dopo la semifinale di andata, la Lazio dovrà affrontare il derby consapevole che il risultato della partita potrebbe dare un segno decisivo alla stagione biancoceleste. Vincere per poter rimanere agganciati al treno Champions sarebbe cosa buona e giusta e per farlo la squadra di Inzaghi avrà bisogno di tutti. Ecco allora che anche la trasferta della settimana successiva, in quel di Firenze, assume un peso specifico notevole: la formazione dell’ex Pioli sta attraversando infatti un buon momento di forma e tra le mura amiche è sempre dura da piegare. Si entra quindi nel vivo della stagione biancoceleste, con le prossime tre partite che probabilmente indicheranno che proporzioni potrà assumere la stagione della formazione di Inzaghi.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Gufi gufi marameo tutti giù dal Colosseo...Insieme a Maestrelli l'allenatore più importante della Lazio. Onore a lui"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da News