Resta in contatto

News

Lazio, comitato consumatori: “Deferire Zaniolo e impedire la romanistizzazione della Capitale”

Duro comunicato del comitato consumatori Lazio sui festeggiamenti della Roma

È arrivato un duro comunicato del Comitato Consumatori Lazio sui festeggiamenti della Roma. Il presidente, Gian Luca Mignogna, ha emesso una nota per condannare gli episodi che hanno visto protagonisti i giallorossi ieri:

Il Comitato Consumatori Lazio, nel formulare le proprie congratulazioni alla A.S. Roma per la vittoria della Conference League 2022, esprime fortissime perplessità riguardo le modalità dei festeggiamenti messi in atto dalla squadra e dalla tifoseria giallorossa. Il calciatore Zaniolo ed altri suoi compagni, infatti, anziché limitarsi a festeggiare la propria vittoria, si sono lasciati andare ad insulti sguaiati, smodati e gratuiti verso la Società Sportiva Lazio, ledendo i principi fondamentali che dovrebberi guidare il comportamento dei calciatori professionisti e per i quali si chiede l’immediato deferimento presso le competenti Autorità Federali degli autori e degli organizzatori dell’evento (come per lo striscione antiinterista mostrato durante i festeggiamenti milanisti). Non solo. Chiunque ha potuto notare che qua e là sono comparse immagini celebrative contenenti la scritta “Roma ha vinto”, che non risultano assolutamente rappresentative di milioni di cittadini che o sono tifosi di altre squadre o addirittura tifosi non sono, i quali, per tali ragioni, non si identificano affatto con questo improvvido tentativo di romanistizzazione forzata della città. I suddetti festeggiamenti, peraltro, seppur comprensibili dopo 14 anni di astinenza da successi sportivi, sono apparsi palesemente sproporzionati rispetto alla conquista di una competizione minore, come lo stesso presidente della Uefa Alexander Ceferin ha avuto modo di definirla in sede di presentazione della Conference League. L’euforia, la gioia e l’esultanza costituiscono la base portante della passione sportiva, ma l’eccessiva esaltazione mediatica del successo giallorosso, invero, si è rivelata indebitamente lesiva dell’immagine della cittadinanza romana, che agli occhi della platea internazionale è parsa fin troppo provinciale sul piano sportivo e del tutto fuori contesto rispetto alla storia, all’autorevolezza ed alla cultura millenaria della Capitale.

10 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
10 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Fantastici ricordi di un signori eccezionale e letale per chiunque odiato dalla tifoseria romanista all'inverosimile. Quando Cragnotti senza preavviso..."

Immobile da record: Ciro stacca Quagliarella e punta la top 10 assoluta dei marcatori in A

Ultimo commento: "Unico solo intramontabile Ciro! Grazie di esistere"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Unico , indimenticabile , una bandiera , un trascinatore ... di una tale Lazialita' senza rivali.......Quel coraggio di affrontare una curva..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News