Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Mandorlini: “Zaccagni l’ho fatto esordire ed ha ancora tanto da dimostrare”

Andrea Mandorlini, ex tecnico del Verona, è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel.

Le sue parole.

“Ieri è stata una partita non facile, il Marsiglia ha buoni giocatori e non è facile affrontarla. La Lazio meritava di vincerla per quanto si è visto nel secondo tempo poi ovviamente non si possono vincere tutte le partite ma il periodo è buono. Zaccagni l’ho fatto esordire io, credo che ad oggi sia maturato. I suoi ultimi anni a Verona sono stati importanti. Adesso giocare alla Lazio aumenta tutto il suo bagaglio e comporta anche maggiore responsabilità. Avrà tutto il tempo per dimostrare quanto vale. La partita contro il Verona significherà tanto per Mattia, ci tiene tanto e credo voglia fare una grandissima partita.

È un giocatore che ha ampi margini di miglioramento e ancora non abbiamo visto il vero Zaccagni. Io ho visto giocare il Verona che ha ripreso un po’ i concetti di Juric, è una squadra dura da battere. Ci sono tanti duelli su tutto il campo, la Lazio dalla sua ha un bagaglio tecnico superiore. Il Verona però non ti fa giocare bene, anzi ti porta a fare male. Adesso la Lazio deve fare risultato. La gara contro l’Inter mi è sembrata a due facce: i nerazzurri avevano il pallino del gioco, poi la gara si è ribaltata. La Lazio ha qualità importanti per vincere anche le partite con i singoli. La squadra di Sarri può fare bene, e deve vincere con il Verona se vuole proseguire nel suo cammino. Ogni partita ha una sua storia, ed è difficile fare pretattica oggi.

La Lazio ha il suo modo di fare, e non sempre fare il gioco ti porta il risultato però ha tante armi a disposizione. Il Verona ha il vantaggio di non avere le coppe, gioca in casa con i suoi tifosi e questo aiuta. Vedremo cosa ci riserverà questa gara, sarà molto tirata. Ieri sera qualcuno ha riposato, probabilmente dal punto di vista fisico bisogna fare delle valutazioni anche perché il Verona ti impegna tanto dall’inizio alla fine”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Beppe gol Il mio idolo…. Mi ha fatto impazzire Lo porterò sempre nel mio ❤️"

Immobile da record: staccato Signori nella Top 10 dei marcatori di Serie A

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News